IHS Maritime Fairplay – Naples welcomes shipping industry

Safety4Sea – Shipping & The Law 2015 debates the industry’s role in ‘Brave New World’

26 Oct 15 – 10:01

Focus on current hot issues from Med migration and regulation to finance and risk management

 

Experts from Italy and around the world gathered in Naples on October 15 and 16 to debate the most pressing issues affecting the shipping industry. From Mediterranean migration and regulation to finance and risk management, the conference saw two days of unique peer-to-peer interaction.

The event also considered the future of shipping – in both Western and Eastern markets – as well as immediate prospects, recent legal developments and what the future holds for the next generation.

Keynote speakers considered how shipping must respond to the changes acting upon it, both structural or external.

IMO Secretary-General Emeritus Efthimios Mitropoulos acknowledged the current challenges but predicted that once these had passed, “shipping will, like the mystical phoenix, arise from its ashes anew”.

Måns Jacobsson, former director of the IOPC Funds discussed the implementation of international shipping treaties and warned that uniformity has yet to be achieved, despite the industry’s desire for it.

Mediterranean migration was never far from the agenda and discussed by numerous speakers including Diletta Lauro and professor Roberto D’Alimonte. Confitarma President Emanuele Grimaldi rejected the concept of compensation for owners forced to divert for rescue “shipping cannot be a substitute for a proper search and rescue effort as this implies merchant shipping is a permanent part of a solution, which it cannot be”.

Conference organiser Francesco Lauro suggested the concept of a ‘White Knight’ fund for the depressed dry bulk and container markets. Prosperous owners could he said, extend a helping hand to struggling companies in return for a stake with high upside potential.

Held for the first time over two full days, Shipping & The Law 2015 also included sessions on ship finance, law, insurance, technology and innovation and future trends. Other notable speakers included ECSA President Thomas Rehder, SSA President Esben Poulsson, ICS Vice Chairman John C Lyras and RINA CEO Ugo Salerno.

John Lyras was critical of a regulatory regime that enacted laws before the technology was in place to implement them. Regulation should be global or not apply at all, he maintained, saying that West “is shooting itself in the foot, so to speak, by continuing to adopt them on a unilateral basis”.

Shipping & The Law brings together some of the most notable personalities of the industry from ship owning, shipbuilding, finance and insurance and other maritime experts.

Among the personalities who participating this year were Lorenzo Banchero, Giuseppe Bottiglieri, Peppino D’Amato, Federico Deodato, Mauro Iguera, Roberto Martinoli, George Tsavliris, Mario Mattioli and John Xylas.

The Conference was held in the octagonal chapel of Pio Monte della Misericordia where delegates admired ‘The Seven Acts of Mercy’, one of the most magnificent masterpieces of the Italian painter Michelangelo Merisi Da Caravaggio.

Art Historian John T Spike presented a commentary on the painting, alluding to its central theme of ministering to the needs of others. This allegory of charity he said, was still relevant to an era of mass migration by people fleeing conflict.

Link: http://www.safety4sea.com/shipping-the-law-2015-debates-the-industry-s-role-in-brave-new-world-25262

All About Shipping.co.uk – Shipping & The Law 2015 debates the industry’s role in ‘Brave New World’

SHIPPING AND THE LAW 2015 NAPLES FM ABOVE...

Naples, 25 October 2015. Experts from Italy and around the world gathered in Naples on October 15 and 16 to debate the most pressing issues affecting the shipping industry today. From Mediterranean migration and regulation to finance and risk management, the conference saw two days of unique peer-to-peer interaction.

The event also considered the future of shipping – in both Western and Eastern markets – as well as immediate prospects, recent legal developments and what the future holds for the next generation.

Keynote speakers considered how shipping must respond to the changes acting upon it, both structural or external.

IMO Secretary-General Emeritus Efthimios Mitropoulos acknowledged the current challenges but predicted that once these had passed, “shipping will, like the mystical phoenix, arise from its ashes anew”.

Måns Jacobsson, former director of the IOPC Funds discussed the implementation of international shipping treaties and warned that uniformity has yet to be achieved, despite the industry’s desire for it.

Mediterranean migration was never far from the agenda and discussed by numerous speakers including Diletta Lauro and professor Roberto D’Alimonte. Confitarma President Emanuele Grimaldi rejected the concept of compensation for owners forced to divert for rescue “shipping cannot be a substitute for a proper search and rescue effort as this implies merchant shipping is a permanent part of a solution, which it cannot be”.

Conference organiser Francesco Lauro suggested the concept of a ‘White Knight’ fund for the depressed dry bulk and container markets. Prosperous owners could he said, extend a helping hand to struggling companies in return for a stake with high upside potential.

Held for the first time over two full days, Shipping & The Law 2015 also included sessions on ship finance, law, insurance, technology and innovation and future trends. Other notable speakers included ECSA President Thomas Rehder, SSA President Esben Poulsson, ICS Vice Chairman John C Lyras and RINA CEO Ugo Salerno.

John Lyras was critical of a regulatory regime that enacted laws before the technology was in place to implement them. Regulation should be global or not apply at all, he maintained, saying that West “is shooting itself in the foot, so to speak, by continuing to adopt them on a unilateral basis”.

Shipping & The Law brings together some of the most notable personalities of the industry from ship owning, shipbuilding, finance and insurance and other maritime experts.

Among the personalities who participating this year were Lorenzo Banchero, Giuseppe Bottiglieri, Peppino D’Amato, Federico Deodato, Mauro Iguera, Roberto Martinoli, George Tsavliris, Mario Mattioli and John Xylas.

The Conference was held in the octagonal chapel of Pio Monte della Misericordia where delegates admired ‘The Seven Acts of Mercy’, one of the most magnificent masterpieces of the Italian painter Michelangelo Merisi Da Caravaggio.

Art Historian John T Spike presented a commentary on the painting, alluding to its central theme of ministering to the needs of others. This allegory of charity he said, was still relevant to an era of mass migration by people fleeing conflict.

About Studio Legale Lauro
Established in 1993, Studio Legale Lauro has offices in Naples and in Rome and offers a wide range of legal services in Maritime, Commercial and International Law matters. Its lawyers provide specialised assistance in Shipping, Transportation, Commercial, Corporate, Banking, Insurance, Construction and Bankruptcy law, whether in an advisory capacity or as counsel in litigation proceedings in Italian courts and arbitration tribunals. Through its work with leading Italian and foreign shipowners, banks and financial lenders, Studio Legale Lauro has developed significant expertise in Mergers & Acquisitions, in Partnership and Joint Venture Agreements, and in various types of Financing Transactions. It also regularly acts on behalf of Shipowners, P&I Clubs, Underwriters, Charterers, Traders, Logistic Operators, Ship-Builders, Port and Infrastructure Builders, Banks and generally for maritime and commercial clients worldwide.

Link: http://www.allaboutshipping.co.uk/2015/10/25/shipping-the-law-2015-debates-the-industrys-role-in-brave-new-world/

The Maritime Executive – Shipping & The Law 2015 Debates “Brave New World”

 conference

By MarEx 2015-10-24 19:20:26

Experts from Italy and around the world gathered in Naples on October 15 and 16 to debate the most pressing issues affecting the shipping industry today. From Mediterranean migration and regulation to finance and risk management, the conference saw two days of unique peer-to-peer interaction.

The event also considered the future of shipping – in both Western and Eastern markets – as well as immediate prospects, recent legal developments and what the future holds for the next generation.

Keynote speakers considered how shipping must respond to the changes acting upon it, both structural or external.

IMO Secretary-General Emeritus Efthimios Mitropoulos acknowledged the current challenges but predicted that once these had passed, “shipping will, like the mystical phoenix, arise from its ashes anew”.

Måns Jacobsson, former director of the IOPC Funds discussed the implementation of international shipping treaties and warned that uniformity has yet to be achieved, despite the industry’s desire for it.

Mediterranean migration was never far from the agenda and discussed by numerous speakers including Diletta Lauro and professor Roberto D’Alimonte. Confitarma President Emanuele Grimaldi rejected the concept of compensation for owners forced to divert for rescue “shipping cannot be a substitute for a proper search and rescue effort as this implies merchant shipping is a permanent part of a solution, which it cannot be”.

Conference organiser Francesco Lauro suggested the concept of a ‘White Knight’ fund for the depressed dry bulk and container markets. Prosperous owners could he said, extend a helping hand to struggling companies in return for a stake with high upside potential.

Held for the first time over two full days, Shipping & The Law 2015 also included sessions on ship finance, law, insurance, technology and innovation and future trends. Other notable speakers included ECSA President Thomas Rehder, SSA President Esben Poulsson, ICS Vice Chairman John C Lyras and RINA CEO Ugo Salerno.

John Lyras was critical of a regulatory regime that enacted laws before the technology was in place to implement them. Regulation should be global or not apply at all, he maintained, saying that West “is shooting itself in the foot, so to speak, by continuing to adopt them on a unilateral basis”.

Shipping & The Law brings together some of the most notable personalities of the industry from ship owning, shipbuilding, finance and insurance and other maritime experts.

Among the personalities who participating this year were Lorenzo Banchero, Giuseppe Bottiglieri, Peppino D’Amato, Federico Deodato, Mauro Iguera, Roberto Martinoli, George Tsavliris, Mario Mattioli and John Xylas.

The Conference was held in the octagonal chapel of Pio Monte della Misericordia where delegates admired ‘The Seven Acts of Mercy’, one of the most magnificent masterpieces of the Italian painter Michelangelo Merisi Da Caravaggio.

Art Historian John T Spike presented a commentary on the painting, alluding to its central theme of ministering to the needs of others. This allegory of charity he said, was still relevant to an era of mass migration by people fleeing conflict.

Link: http://maritime-executive.com/pressrelease/shipping–the-law-2015-debates-brave-new-world

TradeWinds – Inspiring food for thought with ‘Seven Acts of Mercy’

Delegates meeting in Naples in the shadow of Caravaggio’s famous painting came up with their own merciful pleas relating to the shipping industry

23 ott 2015, by Ian Lewis (Naples)

What relevance has Caravaggio’s great painting of “The Seven Acts of Mercy” to shipping in the 21st century?

Quite a bit, according to art historian John T Spike, who likens the plight of homeless peasants depicted in the painting to the problems that shipping is facing due to the immigration crisis.

It was a message that shipping folk gathered in the 16th Century chapel of the Pio Monte della Misericordia (the Holy Mountain of Mercy) seemed to take to their hearts. While Caravaggio had in mind issues such as feeding the hungry and sheltering strangers, they used the sanctified setting in the historical centre of Naples for the annual Shipping and the Law conference to address some of their own concerns.

1) mercy to the hedge funds

Neapolitan shipowners have never shown much love towards private-equity specialists. Fabrizio Vettosi, managing director of Italy’s only shipping private-equity fund, Venice Shipping and Logistics, frequently finds himself bearing the brunt of the criticism. Yet Vettosi argues that hedge funds were not responsible for the shipping crisis — as local owners led by the Bottiglieri family have suggested (see main story, page 20). In fact, private equity only accounts for around 3% of the orderbook, says Vettosi. The truth is that the bank market has been dramatically downsized, with what money there is going to a smaller number of high-rated owners, Vettosi says. He added that private equity bet $5bn on a shipping rebound due to high expectations. The results have been disappointing, and private equity remains interested only in bullish markets like the tanker sector.

The bond market, on the other hand, raised $1.4bn for shipping in 2015 and retains substantial fund-raising potential going forward. Shipowners should take advantage of a window of opportunity that has opened up in the private debt market, which is attracting patient investors such as insurance companies and pension funds, Vettosi says.

2) Mercy for struggling

shipping companies

There is an awful lot of bad debt in the Italian shipping market, which some estimates put at $6bn. So the idea of lawyer Francesco Lauro, managing partner of Studio Legale Lauro, is to form a “White Knight” fund that would come to the rescue of distressed owners.

Money provided by prosperous owners would be used to buy time and stave off bankruptcy in return for a stake with large upside potential. However, fresh funds will only come if there is a haircut to reduce debt below the value of the assets. “Creditors want to avoid being stuck in bankruptcy proceedings — and once through the storm owners might get the company back. Investors should not risk claw-back action, so ‘White Knight’ investors should use a bullet proof Chapter 11 protection in each jurisdiction,” Lauro said.

3) Mercy for shipowners

being asked for too much by politicians

A running theme of the conference seemed to be that politicians are asking too much of shipowners or are putting obstacles in the way that need to be removed. Thomas Rehder, the president of the European Community Shipowners Association (ECSA), suggested there are plenty of areas where bureaucracy could be reduced, such as shortsea shipping where road transport is far less demanding. Policy makers set targets that are disconnected from what are achievable by the industry, he believes. Just a day earlier, the ECSA criticised a European Parliament resolution calling for the International Maritime Organization (IMO) climate deadlines of 2016 related to carbon-dioxide (CO2) emissions. Similar points were raised by former ECSA president Emanuele Grimaldi, who criticised eco-groups who seek to extract cash from the industry related to ballast water regulation.

4) Mercy for shipowners

dealing with refugee crisis

Taking their cue from Caravaggio’s painting depicting the homeless, Grimaldi expressed sympathy with the waves of refugees crossing the Mediterranean from Africa.

The shipowner is in the front line of this problem but is not looking for a long-term solution involving paid compensation. That is not the answer, says Grimaldi, as it would increase the reliance on the merchant fleet as part of the solution. Instead, he says shipping should lobby for more resources to be directed towards dedicated search-and-rescue operations. Grimaldi’s words were welcomed by Mario Mattioli, managing director of Augustea Offshore, whose company is directly affected by the crisis. Mattioli cited an instance where one of his offshore support vessels (OSVs) just 77 metres in length that is serving off the coast of Libya had taken on more than 1,000 people to be transported to a Sicilian port.

5) Mercy for shipbrokers

There is simply less business to be had in Italy, noted veteran shipbroker Lorenzo Banchero.

“When I was a young shipbroker I could talk to 30 shipowners in Genoa. Nowadays, I’m calling at two,” he said. Most of the financial action is taking place in New York where you hear “very little about transport and more about capital gains”.

6) Mercy for managers

Consolidation will be a major issue in shipping in the future and that will require professional managers with technical skills — not the use of intuition as in the past, said Arturo Capasso, of the Universita degli Studi dei Sannio. His view was seconded by Vettosi, who expects a transformation of shipping from an asset-based industry to one based on knowledge and managerial skills.

7) Mercy for shipping

in the future

However, there is the chance that the shipping industry will not need it. “One thing is clear, ships will keep the light on. Nothing can prevent it. Shipping will rise from its ashes anew,” said Efthimios Mitropoulos, secretary-general emeritus of the IMO. He envisions a future characterised by bigger ships and better engines, with a 50% reduction in emissions by 2050.

Link: http://www.tradewindsnews.com/weekly/375200/inspiring-food-for-thought-with-seven-acts-of-mercy

TradeWinds – Neapolitan owners pull back from the abyss

Despite facing existential threats on several fronts, optimism still reigns in the toughest of times

23 ott 2015, by Ian Lewis Naples

At 89 years old, Giuseppe D’Amato has seen more ups and downs in the shipping markets than most people.

But “Peppino”, as he is known by his Italian friends, is worried about the way in which the ongoing crisis is threatening the livelihood of the close-knit Neapolitan shipping community.

Naples is suffering; what was one of the greatest shipowning centres in southern Europe a decade ago has shrunk in scale as owners struggle to survive.

Several high-profile names, led by Deiulemar, have fallen by the wayside, while the tough operating environment and ongoing inquiries into the tax affairs of local owners raises questions over the future of others.

Speaking on the sidelines of the Naples Shipping & the Law conference, the patriarch of Perseveranza di Navigazione spelled out the need to address the problem of oversupply in the dry bulk market.

He blames banks for causing the ongoing crisis and providing financing at “exceptional conditions”.

‘speculators’ blamed

Even today — when it may be opportune to finance secondhand acquisitions — “speculators” are backing newbuildings and making the crisis worse, he says.

Companies are selling ships for less than they cost in the knowledge that the growing number coming into the market means the situation will not get better.

D’Amato says owners are fighting to resolve the crisis. At the conference he made a plea for action, suggesting that older vessels should not be covered by protection-and-indemnity (P&I) clubs, perhaps by them refusing to accept ships over 20 years of age.

The proposal fell largely on deaf ears, with P&I brokers citing competition concerns and classification societies suggesting it is the responsibility of the International Maritime Organization (IMO).

Others, including shipowner Mariella Bottiglieri argued it is not for insurance companies to turn down high premiums to cover older vessels but that “greedy private-equity” funds should get out of the market. “I just hope they get out without damaging the market,” the managing director of Giuseppe Bottiglieri Shipping said on the sidelines of the conference.

Like Peppino, Bottiglieri agrees that the secondhand market should be the way forward for private-equity firms and criticises their need to order newbuildings.

“Why do you need to place another order?” she asked rhetorically. “Because its easier to tell a nice Cinderella story to the hedge fund behind you [that you’re buying a new vessel that no one has ever had before].”

Mariella, who along with sisters Alessandra and Manuela represent the sixth generation of a shipowning family, believes the traditional family company has learned to ride the tough times.

“The strategy of a family business — unlike private equity — is very long term,” she said. She argues that the entrance of private equity into shipping markets filled a void left by banks but that the return of some banks to the market provides hope.

“It seems that banks are now back financing. That’s good news if it means private equity is going to get out — but on which conditions are they there financing?” she said.

The burden of responsibility of younger shipowners is felt by 37-year-old Andrea Garolla di Bard, who heads up the young shipowners’ (Giovani Armatori) section of Italian shipowners’ association Confitarma and helps run his family’s bunker and offshore operator, Med Offshore. Helping the business through the tough times is “a question of honour” that will require some adapting but Neapolitan shipowners will survive, he says.

“Shipowners are facing a difficult time because certain sectors are suffering,” he said. “But I still believe that their strong know-how will enable them to survive.”

The focus of the Naples shipping community will move ownership of vessels to a knowledge-based economy.

“Probably we will see a different scenario where the shipowners will not own 100% of their vessels, which may be held by other stakeholders and financing parties participating in investments, but with their know-how I believe they have the strength to gather money and equity,” he said.

Faith in shipping tradition

That view is shared by Confitarma president Emanuele Grimaldi, who says the key to Naples’ future will be its shipping tradition.

“The know-how that exists in this town is enormous,” he said.

Over 40% of the Italian tonnage is owned by Neapolitan owners, helping develop expertise in neighbouring towns like Sorrento (including Gianluigi Aponte), Torre del Greco and Monte di Procida.

Grimaldi expects that Neapolitan shipping will become more of a multinational business, where the flag and ownership of tonnage are not necessarily the same nationality.

The above comments come as some owners show disenchantment with the Italian flag, described by Bottiglieri as one of the least competitive in the world. If the bureaucratic and operational problems of operating under the Tricolore are not ironed out, owners will show no sentimentality with regards to flagging out, she says.

“Our aim is not to preserve Italy. Our aim is to preserve the company. And if the Italian flag is not competitive its not the shipowners’ fault,” she said.

Others are confident Neapolitan owners will survive the crisis. Perseveranza managing director Angelo D’Amato says people may be scaling down but he does not believe that lengthy bankruptcy procedures are likely in the coming months.

Several Neapolitan companies, including his own, are poised to sign agreements with the banks that should ensure their survival, he says. If that comes to fruition, it will explain the optimism that reigns in the toughest of times.

Link: http://www.tradewindsnews.com/weekly/375198/neapolitan-owners-pull-back-from-the-abyss

 

TradeWinds – Grimaldi beefs up stakes in European subsidiaries

Italian owner takes holdings in Finnlines and Minoan to 90% threshold

Grimaldi Group has taken its stake in Finnlines and Minoan Lines to around 90%, says managing director Emanuele Grimaldi.

The Naples-based owner has invested EUR 96.9m ($110m) to acquire a 10.58% block in the North ern European ropax operator from Finnish pension fund Ilmarinen.

The move takes the Italian group’s interest in the Helsinki-listed operation to 91.32% — a level matching its expanding holding in Greek ropax operator Minoan Lines.

The decision to buy shares in sister companies was the best of a number of investment options being considered, says Grimaldi.

“We have been looking around, looking to invest and had the possibility to buy other companies,” Grimaldi said on the sidelines of the Naples Shipping & the Law conference.

In the end, the preference was to increase his shareholding in the sister outfits to consolidate ownership rather than invest in other activities.

“We thought that buying our own shares was the best business that we could do,” said Grimaldi.

“So we decided to increase our shares both in Finnlines and in Minoan.”

Grimaldi views the shareholding as a sign of confidence in the future of Finnlines, which reported its best second-quarter result in a decade, with a 7.3% rise in net profit over the period to EUR 15.8m.

Grimaldi became the majority shareholder in Finnlines in 2006 but the recent transaction means its stake matches its shareholding in Minoan, where it owns more than 88% of the shares. Ilmarinen is expected to hold on to a stake in Finnlines until a legal case over dividend payments between the companies, which dates back to 2008, is resolved.

Grimaldi, whose outfit is one of the largest transporters of vehicles, earlier this year invested in five 7,800-car-equivalent-unit (ceu) vehicle carriers at China’s Yangfan yard and a trio of slightly smaller pure car/truck carriers (PCTCs) at Jinling Shipyard.

But Grimaldi brushed aside suggestions that the company could suffer any negative consequences from the Volkswagen emissions scandal. If necessary, some of the 10 car carriers on charter in its fleet of 106 ships could be redelivered, he says.

Link: http://www.tradewindsnews.com/weekly/375187/grimaldi-beefs-up-stakes-in-european-subsidiaries

La Gazzetta Marittima – A Napoli Shipping and the Law

A Napoli Shipping and the Law

NAPOLI – Si è conclusa venerdì, Shipping and the Law in the recent and current markets, la conferenza organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma che riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.
Per leggere l’articolo effettua il Login o procedi alla Register gratuita.

Link: http://www.lagazzettamarittima.it/?p=27058

Seareporter.it – VI Shipping and Law porta a Napoli l’industria marittima

Si è conclusa  venerdi 16 ottobre “Shipping and the Law in the recent and current markets”, la conferenza organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma che riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo. I lavori hanno raggiunto il loro culmine nella mattinata della seconda giornata in cui sono intervenuti, tra gli altri, il presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, il presidente degli armatori europei Thomas Rehder, il vicepresidente della Camera Internazionale dello Shipping (ICS) e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente ICS Esben Poulsson. Accanto a questi interventi e a quelli di altri esponenti di spicco del mondo armatoriale e marittimo internazionale, il programma della mattinata ha visto anche la relazione del politologo Roberto D’Alimonte dal titolo The European Union: to be or not to be e l’intervento introduttivo di un fine esperto di politica estera come Umberto Ranieri.  “Questa varietà di interventi – ha dichiarato l’avvocato marittimista Francesco S. Lauro, organizzatore della conferenza – è dovuta al fatto che la sesta edizione di Shipping and the Law ha affrontato, con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese. Il dibattito scaturito alla conferenza, come mi aspettavo, ha fornito una dimostrazione che anche oggi, come già in passato, gli esponenti di spicco e più lungimiranti dell’industria marittima, abituata da sempre ad adattarsi a situazioni e condizioni sempre mutevoli e fluttuanti, avvertono l’esigenza di guardare avanti e di fare con responsabilità la propria parte per contribuire a disegnare scenari sostenibili e di progresso per il futuro”. Nella giornata inaugurale ampio spazio è stato concesso alla finanza delle imprese armatoriali, presieduta da Diego Pacella (direttore finanziario di Grimaldi Group), nella quale si è sviluppato un vivace dibattito sul ruolo degli investitori di private equity nelle operazioni di ristrutturazione delle compagnie del settore provate dalla lunga crisi. Alle critiche del mondo armatoriale per l’eccessiva aggressività dei fondi gli esponenti del settore finanziario hanno illustrato talune strategie innovative finalizzate ad instaurare collaborazioni di lungo termine, non soltanto con investimenti nel capitale di rischio ma anche attraverso forme innovative di private debt. “Occorre progettare delle strutture giuridico-finanziarie – ha dichiarato Francesco S. Lauro nel suo intervento “A Shipping White Knight Fund” – che possano apportare new equity in soccorso di quelle aziende che, pur essendo strutturalmente sane, soffrono la crisi indotta dal credit crunch e da un mercato troppo a lungo depresso”.
Link: http://www.seareporter.it/news/vi-shipping-and-law-porta-a-napoli-lindustria-marittima/

 

Splash 24/7 – Merchant shipping should not be rewarded for picking up Med migrants

Merchant shipping should not be rewarded for picking up Med migrants

Merchant shipping should not be rewarded for picking up Med migrants

The head of the Italian shipowners association, Confitarma, has echoed calls from his counterpart in Copenhagen on how best to solve the Mediterranean migration crisis. Talking at the Shipping and the Law Conference under way in Naples, Emanuele Grimaldi said shipping companies should refuse migrant compensation as merchant shipping is not the permanent solution for the crisis.

“Let me be very clearly understood; compensation is not the answer,” he said. “Commercial ships cannot substitute for a proper international search and rescue effort.” To take any compensation would imply private shipping companies are a permanent part of the solution, which they should not be, he stressed.

Ten days ago the director-general of the Danish Shipowners’ Association came out with a similar opinion at a press conference in Copenhagen. Anne Steffensen, the Danish owners boss, said the role should remain firmly with Operation Triton, the border security operation conducted by Frontex, the European Union’s border security agency.

“Shipowners should not be rewarded for picking up refugees,” Steffensen said, adding: “We are not part of the long term solution.”

Nicola Capuzzo

Nicola is a highly qualified journalist focused on transport economics, logistics and shipping with broad experience in both online and printed media. Specialties: shipping, ship finance, banking, commodities and port economics. He regularly interviews Europe’s top shipowner executives for Maritime CEO magazine.

Splash 24/7 – Italian owner urges P&I Clubs to stop insuring older ships

Italian owner urges P&I Clubs to stop insuring older ships

Italian owner urges P&I Clubs to stop insuring older ships

“All the P&I clubs should stop covering old ships, let’s say ones aged more than 20 years”. This proposal emerged on Friday at the Shipping and the Law conference in Naples and came from Giuseppe D’Amato, chairman of Perseveranza di Navigazione shipping company. In order to reduce the current oversupply of tonnage, mainly in the dry bulk segment, the seasoned Italian shipowner asked all the P&I Clubs to coordinate for phasing out a large part of aged fleet at sea.

D’Amato highlighted that “at present the sea freight rates for bulk carriers are so low because of the Chinese shipwoners competition because they are buying and operating the old ships that in the past would have been scrapped. Chinese owners invest little money buying cheap ships and they employ low cost Chinese seafarers; that’s why they can go on working even with such a low market for sea freight rates.”

Federico Deodato, chairman of P&I broker company PL Ferrari, commented on this proposal saying: “Clubs are not allowed to cooperate at taking actions together on the matter”, while Ugo Salerno, ceo of RINA Group, added: “There are already political entities, such as IMO, in charge for regulating on these subjects.”

Nicola Capuzzo

Nicola is a highly qualified journalist focused on transport economics, logistics and shipping with broad experience in both online and printed media. Specialties: shipping, ship finance, banking, commodities and port economics. He regularly interviews Europe’s top shipowner executives for Maritime CEO magazine.

 

The Meditelegraph – Lauro: «Dallo shipping italiano contributo ad Europa meno chiusa»

Lauro: «Dallo shipping italiano contributo ad Europa meno chiusa»

Napoli – «Le compagnie italiane negli ultimi anni sono state impegnate a rimodernare le flotte, mantenendo un elevatissimo standard sul mercato mondiale. I porti italiani, invece, sono più lenti».

foto

Napoli – «Lo shipping ha per sua natura una vocazione internazionale. Da un Paese forte nel settore come il nostro può arrivare un contributo anche all’Europa perché sia meno isolata e chiusa in se stessa». Così Francesco S. Lauro ha sottolineato uno degli aspetti più interessanti dell’edizione 2015 di Shipping and the Law 2015, l’analisi non solo economica ma anche geopolitica dello scenario internazionale in cui si muovono gli armatori e il mondo del trasporto commerciale via mare.

La giornata si è conclusa con un confronto con Manuel Grimaldi, Roberto D’Alimonte, Umberto Ranieri e armatori provenienti da tutto il mondo sui temi dell’emergenza migratoria, dell’ambiente e sugli scenari mondiali. L’appuntamento annuale a Napoli, ha sottolineato Lauro, «è fondamentale – ha detto – visto che la situazione internazionale riguarda molto da vicino le compagnie italiane che negli ultimi anni sono state impegnate a rimodernare le flotte, mantenendo un elevatissimo standard sul mercato mondiale. I porti italiani, invece, per pastoie burocratiche, sono più lenti ad adeguarsi alle novità». E proprio su Napoli si è soffermato Umberto Ranieri, presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa, che a proposito del flop del progetto di rilancio del porto di Napoli, con la perdita di 150 milioni di fondi Europei, ha commentato: «È un fatto inaudito che reca con sé delle responsabilità enormi delle classi dirigenti locali. È un brutto segnale per Napoli e per il nostro Paese, spero che se ne possa venire fuori il più presto possibile».

The Meditelegraph – Grimaldi: «Italia colmi gap infrastrutture»

SHIPOWNERS

Grimaldi: «Italia colmi gap infrastrutture»

Napoli – Il presidente di Confitarma: «I porti sono grande opportunità per un paese che importa tutte le materie prime ed esporta prodotti finiti».
OTTOBRE 16, 2015

Napoli – «La nostra economia è l’ottava del mondo, mentre secondo studi molto accurati siamo al 55mo posto al mondo dal punto di vista infrastrutturale. Questo gap va colmato». Lo ha detto Manuel Grimaldi, presidente di Confitarma, a margine della seconda giornata diShipping and the Law a Napoli. Grimaldi, che è intervenuto sul tema “Shipping in the world we’re in”, ha sottolineato che «I porti sono grande opportunità per un paese che importa tutte le materie prime ed esporta prodotti finiti».

Parlando a Napoli, Grimaldi ha fatto cenno anche alla notizia della perdita di 150 milioni di euro di fondi europei sul programma 2007-2013 per il porto. «Ce lo aspettavamo – ha detto – perché è molto difficile durante queste stagioni di commissari straordinari poter fare una politica di lungo periodo. Ci vuole un presidente dell’autorità portuale che abbia di fronte un orizzonte per fare investimenti. I soldi sono importanti ma bisogna anche capire bene come spenderli, se non si spendono bene, meglio non spenderli, di cattedrali nel deserto l’Italia è piena».

Ship2Shore – Il “divino” Francesco Lauro ha moltiplicato i temi e i tempi

17/10/15 15:39

Il “divino” Francesco Lauro ha moltiplicato i temi e i tempi

di Nicola Capuzzo

La sesta edizione di Shipping and the Law si è sviluppata su due giorni offrendo l’opportunità di un ampio confronto su tutti i temi più attuali per lo shipping italiano e internazionale

Napoli – Emergenza migratoria, ambiente, scenari mondiali, finanza, questioni giuridiche e innovazione tecnologica sarebbero sei macrotemi meritevoli di altrettanti convegni ma l’avv. Francesco Saverio Lauro è riuscito anche questa volta nel miracolo di condensare tutto questo in un convegno unico. È così che anche quest’anno è andata in scena il tradizionale appuntamento di Shipping and the Law, giunto ormai alla sua sesta edizione e sviluppato nell’arco di 48 ore.

Come da tradizione ormai negli appuntamenti di settore, anche questa volta è stata la finanza a scaldare maggiormente gli animi dei panelist durante il confronto. “Follow the Money” era il titolo della sessione moderata da Diego Pacella (amministratore delegato di Grimaldi Group) e introdotta da Fabrizio Vettosi (direttore generale del fondo Venice Shipping&Logistics) con un overview sul mercato dei finanziamenti agli armatori e sulle nuove strade disponibili sul mercato per racimolare capitale destinato a nuovi investimenti. Vettosi in particolare si è soffermato su talune strategie innovative finalizzate a instaurare collaborazioni di lungo termine con i finanziatori, non soltanto con investimenti nel capitale di rischio ma anche attraverso forme innovative di private debt.
In conclusione di questa sessione, cui hanno preso parte fra gli altri Angelo D’Amato (Perseveranza di Navigazione), George Tsavliris (Tsavliris Salvage Group), Gaudenzio Bonaldi-Gregori (PillarstonItal, KKR), Guido Lorenzi (HIG Whitehorse) e Francesco Moneta (Lazard), hanno fatto discutere soprattutto le esternazioni di Giuseppe Rizzo, a.d. di RBD Armatori, che ha esplicitamente accusato le banche di aver portato diverse shipping company italiane a sbagliare strategie d’investimento inducendole in tentazione con un’eccessiva disponibilità di credito.
Il padrone di casa, Francesco Lauro, sul tema si è espresso dicendo: “Occorre progettare delle strutture giuridico-finanziarie che possano apportare nuova equity in soccorso di quelle aziende che, pur essendo strutturalmente sane, soffrono la crisi indotta dal credit crunch e da un mercato troppo a lungo depresso”.

Il pomeriggio del primo giorno di conferenza è proseguito poi con una seconda sessione incentrata sulle tematiche giuridiche, che ha visto gli interventi di rappresentanti di alcuni dei maggiori studi internazionali del settore, tra cui Ince & Co., Hill Dickinson, Watson Farley & Williams, oltre a dirigenti degli uffici legali di grandi società armatoriali, tra cui spiccava Luca Forgione (Scorpio).
A chiusura dei lavori della prima giornata una sessione di dibattiti dedicata ai temi dell’innovazione tecnologica, l’efficienza energetica e le normative in tema di ambiente e sicurezza è stata presieduta da Michele Francioni (COO di Rina Services SpA) e Alberto Moroso (presidente di Atena, Associazione Italiana di Tecnica Navale), con ha visto la partecipazione di esponenti dei maggiori gruppi internazionali che operano nel settore, tra cui Ecospray Technologies, Wartsila – Winterthur Gas & Diesel e MAN Diesel.

I lavori di Shipping and the Law hanno raggiunto il loro culmine durante la seconda giornata di conferenze con l’intervento del presidente di Confitarma, Emanuele Grimaldi, il presidente dell’associazione degli armatori europei (Ecsa) Thomas Rehder, il vicepresidente della International Chamber of Shipping e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore Esben Poulsson. Fra i tanti temi toccati, come si diceva, quello dell’emergenza immigrazione, sul quale Grimaldi si è espresso dicendo chiaramente che, secondo lui, “alle società private che soccorrono i migranti in mare non è dovuta alcuna compensazione economica, perché l’intervento delle navi mercantili non è una soluzione al problema”. I privati non possono e non devono sostituirsi al lavoro delle missioni militari internazionali secondo il numero uno di Confitarma.

Mario Mattioli, vertice di Augusta Offshore, una delle aziende più direttamente interessate da questo fenomeno perché ha diversi mezzi offshore impegnati nelle acque di fronte alla Libia, ha raccontato che pochi mesi fa un loro PSV da 70 metri di lunghezza ha soccorso e caricato 1.350 migranti trasportati poi verso un porto siciliano. “L’emergenza dei migranti  sta davvero condizionando il lavoro delle navi mercantili nel Mediterraneo” ha sottolineato Mattioli invocando una rapida risoluzione al problema.

Dopo l’approfondita analisi sui flussi migratori illustrata dalla giovane Diletta Lauro (Università di Oxford), la mattinata di lavori è proseguita con le analisi macroeconomiche e geopolitiche di Lorenzo Banchero (Banchero Costa & C.) e Ugo Salerno (RINA), dai cui approfondimenti è emerso che, seppure la Cina ha rallentato la sua corsa, India e Africa occidentale potranno essere probabilmente le nuove locomotive industriali nei prossimi anni. Il dibattito seguente ha visto riemergere la proposta di Peppino D’Amato (presidente di Perseveranza di Navigazione) rivolta ai P&I Club affinché si coordinino per indurre al phasing out le navi più vecchie di 20 anni. “La differenza fra questa crisi e quelle che ho vissuto in passato – ha detto l’esperto armatore torrese – è che oggi i carichi ci sono, infatti le navi viaggiano tutte piene, nessuna è in disarmo. Ci sono però gli armatori cinesi che comprano per pochi milioni di dollari le navi che una volta andavano in demolizione e le fanno girare sul mercato con equipaggi che costano quasi zero. In questo modo riescono a stare sul mercato lavorando anche con noli bassi e contestualmente deprimono il business per chi ha navi più moderne e costose da mantenere”. Dagli altri panelist è arrivata però una risposta disillusa poiché in molti hanno sottolineato che spetta ai regolatori (Imo in primis) stabilire se e quali siano le normative da applicare al settore dello shipping (non ai P&I e nemmeno ai registri di classifica).

La due giorni di convegni si è conclusa infine con le sessioni intitolate “Managing the Risks” dedicata allo stato dell’arte del settore assicurativo corpi e P&I, e l’ultima intitolata “Looking to the Future” e affidata alla nuova generazione di armatori. Nella prima, come di consueto coordinata e moderata da Federico Deodato (PL Ferrari) e Mauro Iguera (Cambiaso Risso Marine and Aviation), hanno partecipato anche Mariella Bottiglieri (Giuseppe Bottiglieri Shipping Company), Rocco Bozzelli (Scorpio), Alessandro Morelli (SIAT), Marco Poliseno (Poliass) e Giannicola Forte (Studio Legale Lauro). La sessione dei giovani armatori è stata presieduta dal Presidente del Gruppo Giovani Armatori di Confitarma, Andrea Garolla di Bard, e ha visto gli interventi di Yannis Tryphillis (Hellenic Chamber of Shipping) e Giacomo Gavarone  (Rimorchiatori Riuniti Spa). Quest’ultimo, concordando con l’analisi macroeconomica del ben più esperto Lorenzo Banchero, ha confermato durante il proprio intervento che “la nuova frontiera per lo shipping, in particolare per quello offshore, è il West Africa”.

Il Nautilius – Grimaldi: “Gap infrastrutturale dei porti italiani va colmato”

Scritto da RedazioneItalia

NAPOLI – “La nostra economia è l’ottava del mondo, mentre secondo studi molto accurati siamo al 55esimo posto al mondo dal punto di vista infrastrutturale. Questo gap va colmato”. Lo ha detto Manuel Grimaldi, presidente di Confitarma, a margine della seconda giornata di Shipping and the Law” a Napoli.

Grimaldi, che oggi è intervenuto sul tema “Shipping in the world we’re in”, ha sottolineato che “i porti sono grande opportunità per un paese che importa tutte le materie prime ed esporta prodotti finiti”. Parlando a Napoli, Grimaldi ha fatto cenno anche alla notizia della perdita di 150 milioni di euro di fondi europei sul programma 2007-2013 per il porto.

“Ce lo aspettavamo – ha detto – perché è molto difficile durante queste stagioni di commissari straordinari poter fare una politica di lungo periodo. Ci vuole un presidente dell’autorità portuale che abbia di fronte un orizzonte per fare investimenti. I soldi sono importanti ma bisogna anche capire bene come spenderli, se non si spendono bene, meglio non spenderli, di cattedrali nel deserto l’Italia è piena”.

Link: http://www.ilnautilus.it/news/2015-10-17/grimaldi-%E2%80%9Cgap-infrastrutturale-dei-porti-italiani-va-colmato%E2%80%9D_33348/

Shipping News Daily – Shipping & The Law 2015 debates the industry’s role in ‘Brave New World’, Hellenic Shipping News Worldwide

Shipping & The Law 2015 debates the industry’s role in ‘Brave New World’ – Hellenic Shipping News Worldwide


Hellenic Shipping News Worldwide

Shipping & The Law 2015 debates the industry’s role in ‘Brave New World’
Hellenic Shipping News Worldwide
Experts from Italy and around the world gathered in Naples on October 15 and 16 to debate the most pressing issues affecting the shipping industry today. From Mediterranean migration and regulation to finance and risk management, the conference saw two …
Read 
Link: http://shippingnewsdaily.com/containers/shipping-law-2015-debates-industrys-role-brave-new-world-hellenic-shipping-news-worldwide

Tribuna Economica – “Shipping and the Law in the recent and current markets”, a Napoli il gotha dell’industria armatoriale

“Shipping and the Law in the recent and current markets”, a Napoli il gotha dell’industria armatoriale

Pubblicato: 19 Ottobre 2015

Si è conclusa venerdì 16 ottobre, Shipping and the Law in the recent and current markets, la conferenza organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma che riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario,oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.

I lavori di Shipping and the Law hanno raggiunto il loro culmine nella mattinata di venerdì 16 ottobre, in cui sono intervenuti, tra gli altri, il presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, il presidente degli armatori europei Thomas Rehder, il vicepresidente della Camera Internazionale dello Shipping (ICS) e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente ICS Esben Poulsson.

Accanto a questi interventi e a quelli di altri esponenti di spicco del mondo armatoriale e marittimo internazionale, il programma della mattinata ha visto anche la relazione del politologo Roberto D’Alimonte dal titolo The European Union: to be or not to be e l’intervento introduttivo di un fine esperto di politica estera come Umberto Ranieri.

“Questa varietà di interventi – ha dichiarato l’avvocato marittimista Francesco S. Lauro, organizzatore della conferenza – è dovuta al fatto che la sesta edizione di Shipping and the Law ha affrontato, con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese. Il dibattito scaturito alla conferenza, come mi aspettavo, ha fornito una dimostrazione che anche, come già in passato, gli esponenti di spicco e più lungimiranti dell’industria marittima, abituata da sempre ad adattarsi a situazioni e condizioni sempre mutevoli e fluttuanti, avvertono l’esigenza di guardare avanti e di fare con responsabilità la propria parte per contribuire a disegnare scenari sostenibili e di progresso per il futuro”.

La mattinata di lavori ha visto poi svolgersi un ampio dibattito sull’emergenza migratoria e la situazione geopolitica dei paesi dell’area del Mediterraneo: tra i relatori Lorenzo Banchero (Banchero Costa & C.), Ugo Salerno (RINA), Diletta Lauro (Università di Oxford). A seguire una tavola rotonda in cui sono stati analizzati gli scenari e le sfide relative all’evoluzione dei mercati marittimi e l’introduzione di nuove e sempre più stringenti regole a tutela dell’ambiente, alla quale hanno partecipato tra gli altri Giuseppe Bottiglieri (Giuseppe Bottiglieri Shipping Company – INTERCARGO), Mario Mattioli, John Xylas (Ariston Navigation), Roberto Martinoli (GNV) e George Tsavliris.

Nel pomeriggio si è svolta la consueta sessione “Managing the Risks” dedicata allo stato dell’arte del settore assicurativo corpi e P&I presieduta come di consuetudine da Federico Deodato (PL Ferrari) e Mauro Iguera (Cambiaso Risso Marine and Aviation). Tra gli interventi: Mariella Bottiglieri (Giuseppe Bottiglieri Shipping Company), Rocco Bozzelli (Scorpio), Alessandro Morelli (SIAT), Marco Poliseno (Poliass), Giannicola Forte (Studio Legale Lauro).

Quest’anno i lavori si sono poi conclusi con una sessione dal titolo “Looking to the Future”, presieduta dal Presidente del Gruppo Giovani Armatori presso Confitarma, Andrea Garolla di Bard e da Peppino D’Amato (Perseveranza) che ha visto, tra gli altri, gli interventi di: Valeria Novella (Ottavio Novella),  Giacomo Gavarone  (Rimorchiatori Riuniti Spa), Yavuz Kalkavan (Besiktas), Yannis Tryphillis (Hellenic Chamber of Shipping) e nella quale alcuni giovani armatori, che rappresentano il nuovo che avanza, hanno provato a tracciare uno scenario futuro assieme ad alcuni “grandi vecchi” dello shipping. Le conclusioni dei lavori sono state tratte da Efthimios Mitropoulos, segretario generale emerito dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) e da Francesco S. Lauro.

 

ANSA – Shipping: Lauro, spinga Europa a essere meno isolata

Shipping and the Law chiude con riflessione geopolitica (ANSA) NAPOLI, 16 OTT – “LoShipping ha per sua natura una vocazione internazionale. Da un Paese forte nel settore come il nostro puo’ arrivare un contributo anche all’Europa perche’ sia meno isolata e chiusa in se stessa”. Cosi’ Francesco S. Lauro ha sottolineato uno degli aspetti piu’ interessanti dell’edizione 2015 di Shipping and the Law 2015, l’analisi non solo economica ma anche geopolitica dello scenario internazionale in cui si muovono gli armatori e il mondo del trasporto commerciale via mare. La giornata si e’ conclusa con un confronto con Manuel Grimaldi, Roberto D’Alimonte, Umberto Ranieri e armatori provenienti da tutto il mondo sui emi dell’emergenza migratoria, dell’ambiente e sugli scenari mondiali. L’appuntamento annuale a Napoli, ha sottolineato Lauro, “e’ fondamentale – ha detto – visto che la situazione internazionale riguarda molto da vicino le compagnie italiane che negli ultimi anni sono state impegnate a rimodernare le flotte, mantenendo un elevatissimo standard sul mercato mondiale. I porti italiani, invece, per pastoie burocratiche, sono piu’ lenti ad adeguarsi alle novita’”. E proprio su Napoli si e’ soffermato Umberto Ranieri, presidente della Fondazione Mezzogiorno Europa, che a proposito del flop del progetto di rilancio del porto di Napoli, con la perdita di 150 milioni di fondi Europei, ha commentato: “E’ un fatto inaudito che reca con se’ delle responsabilita’ enormi delle classi dirigenti locali. E’ un brutto segnale per Napoli e per il nostro Paese, spero che se ne possa venire fuori il piu’ presto possibile”. Y7W-CER 16-OTT-15 19:39 NNNN

ANSA – Emissioni: Grimaldi, tecnologie più avanzate sono italiane

Confitarma, da 2007 traffici cresciuti e emissioni scese

(ANSA) NAPOLI, 16 OTT – “Stiamo lavorando molto intensamente sul tema della riduzione delle emissioni, in molte aziende italiane, come la mia, ci sono dipartimenti importante dedicati solo all’energy saving”. Lo ha detto Manuel Grimaldi, presidente nazionale di Confitarma, a margine della seconda giornata di Shipping and the Law che si chiude oggi a Napoli. Grimaldi ha sottolineato in particolare lo sviluppo italiano delle nuove tecnologie: “La tecnologia migliore al mondo per gli abbattitori delle emissioni e’ un brevetto italiano. I dipartimenti di ricerca e sviluppo delle aziende italiane ci hanno lavorato sin da quando abbiamo dovuto compiere importanti sforzi per ridurre le emissioni con gli scrubber, degli abbattitori di inquinanti. In particolare questa necessita’ si e’ sentita per i porti in cui si dovevano ridurre le emissioni di zolfo, in particolare in luoghi dove c’e’ un’enorme densita’ di trasporto e un clima che rende piu’ grave il problema”. Grimaldi ricorda comunque che: “Lo Shipping – ha spiegato – ha prodotti grandi miglioramenti in questo settore: dal 2007 a oggi l’ammontare totale delle emissioni si e’ ridotto a livello globale di oltre il 10% malgrado i traffici siano aumentati di oltre il 20%. Il nostro settore e’ impegnato in riduzioni fino al 2050 di oltre il 50%, ma la nostra partecipazione alle emissioni di carbonio e’ basso: considerando che loShipping trasporta il 90% delle merci al mondo, l’incidenza delle emissioni dello Shipping e’ solo il 2,2% del totale”.(ANSA). Y7W-CER 16-OTT-15 18:11 NNNN

ANSA – Porti: Grimaldi, Gap infrastrutturale italiano va colmato

Presidente Confitarma interviene su perdita fondi Ue per Napoli (ANSA) NAPOLI, 16 OTT – “La nostra economia e’ l’ottava del mondo, mentre secondo studi molto accurati siamo al 55mo posto al mondo dal punto di vista infrastrutturale. Questo gap va coolmato”. Lo ha detto Manuel Grimaldi, presidente di Confitarma, a margine della seconda giornata diShipping and the Law” a Napoli. Grimaldi, che oggi e’ intervenuto sul tema “Shipping in the world we’re in”, ha sottolineato che “i porti sono grande opportunita’ per un paese che importa tutte le materie prime ed esporta prodotti finiti”. Parlando a Napoli, Grimaldi ha fatto cenno anche alla notizia della perdita di 150 milioni di euro di fondi europei sul programma 2007-2013 per il porto. “Ce lo aspettavamo – ha detto – perche’ e’ molto difficile durante queste stagioni di commissari straordinari poter fare una politica di lungo periodo. Ci vuole un presidente dell’autorita’ portuale che abbia di fronte un orizzonte per fare investimenti. I soldi sono importanti ma bisogna anche capire bene come spenderli, se non si spendono bene, meglio non spenderli, di cattedrali nel deserto l’Italia e’ piena”. Y7W-PO 16-OTT-15 16:56 NNNN

ANSA – L.Stabilità: Grimaldi, segnali molto positivi uscita da crisi

L.Stablita’: Grimaldi, segnali molto positivi uscite da crisi

Presidente Confitarma, momento irripetibile per sviluppo pil (ANSA) NAPOLI, 16 OTT – “E’ un momento molto importante per l’economia italiana, oggi ci sono grandi possibilita’ di uscire bene da questa crisi e avere presto uno sviluppo forte del pil”. Lo ha detto Manel Grimaldi, armatore e presidente di Confitarma, commentando, a margine della seconda giornata di Shipping and the Law” a Napoli, la legge di stabilita’ varata dal governo Renzi. Per Grimaldi “ci sono tanti segnali molto positivi e ci sono tutte le condizioni per la crescita. Forse siamo in un momento irripetibile, considerando anche che il rapporto di cambio piu’ giusto tra dollaro ed euro aiutera’ molto l’export del nostro Paese”.(ANSA). Y7W 16-OTT-15 16:42 NNNN

Informazioni Marittime – Il bilancio sull’industria marittima di Shipping and the Law

Il bilancio sull’industria marittima di Shipping and the Law

dot Il bilancio sull'industria marittima di Shipping and the Law

Si è conclusa a Napoli la sesta edizione del convegno internazionale Shipping and the Law, la conferenza organizzata dallo Studio Legale Lauro con il patrocinio di Confitarma che riunisce ogni anno nel capoluogo campano alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.

I lavori di quest’anno si sono aperti il 15 ottobre presso il Pio Monte della Misericordia: dopo il saluto dell’assessore alle attività produttive della Campania Amedeo Lepore e l’introduzione di Francesco S. Lauro, avvocato marittimista ideatore dell’evento, la mattinata ha visto gli interventi di Efthimios Mitropoulos, segretario generale emerito dell’Organizzazione Marittima Internazionale (Imo) sui recenti sviluppi dello shipping internazionale e di Mans Jacobsson, precedente direttore del fondo internazionale per i risarcimenti da inquinamento petrolifero, sui trattati internazionali e l’uniformità del diritto marittimo.

La conferenza è poi proseguita con la prima sessione “Follow the Money” dedicata alla finanza delle imprese armatoriali, presieduta da Diego Pacella (amministratore delegato di Grimaldi Group) nella quale si è sviluppato un vivace dibattito sul ruolo degli investitori di private equity nelle operazioni di ristrutturazione delle compagnie del settore provate dalla lunga crisi. Dopo la relazione introduttiva di Fabrizio Vettosi (VSL SpA) sono intervenuti, tra gli armatori: Angelo D’Amato (Perseveranza), Giuseppe Rizzo (RBD Armatori SpA) e George Tsavliris (Tsavliris Salvage Group); tra i banchieri: Gaudenzio Bonaldi-Gregori (PillarstonItal, KKR), Guido Lorenzi (HIG Whitehorse), Francesco Moneta (Lazard), Nino Mowinkel (Breakwater Capital), Philip Van Aerssen (ABN AMRO).

Alle critiche del mondo armatoriale per l’eccessiva aggressività dei fondi gli esponenti del settore finanziario hanno illustrato talune strategie innovative finalizzate ad instaurare collaborazioni di lungo termine, non soltanto con investimenti nel capitale di rischio ma anche attraverso forme innovative di private debt. “Occorre progettare delle strutture giuridico-finanziarie – ha dichiarato Francesco S. Lauro nel suo intervento “A Shipping White Knight Fund” – che possano apportare new equity in soccorso di quelle aziende che, pur essendo strutturalmente sane, soffrono la crisi indotta dal credit crunch e da un mercato troppo a lungo depresso”.

La seconda sessione Shipping and the Law, presieduta del giudice internazionale britannico Sir Bernard Eder e da Francesco S. Lauro e incentrata sulle tematiche giuridiche, ha visto gli interventi di rappresentanti di alcuni dei maggiori studi internazionali del settore, Ince & Co., Hill Dickinson, Watson Fairley e dirigenti degli uffici legali di grandi armatori, Luca Forgione (Scorpio) e assicuratori marittimi, Per-Age Nygard (Norwegian Hull Club).

A chiusura dei lavori della prima giornata una sessione di dibattiti dedicata ai temi dell’innovazione tecnologica, l’efficienza energetica e le normative in tema di ambiente e sicurezza: “Innovation, Innovation, Innovation”, presieduta da Michele Francioni (COO di Rina Services SpA) e Alberto Moroso (presidente di Atena, Associazione Italiana di Tecnica Navale), che ha visto la partecipazione di esponenti dei maggiori gruppi internazionali che operano nel settore, come Guido Ceccherelli (Ecospray Technologies srl), Volkmar Galke (Wartsila – Winterthur Gas & Diesel) e Søren Andersen (MAN Diesel), che si sono confrontati con rappresentanti del mondo armatoriale come Lorenzo Matacena (Caronte e Tourist SpA), Yavuz Kalkavan (armatore e proprietario dei cantieri Besiktas), Umberto D’Amato (Perseveranza), Roberto Martinoli (CEO di Grandi Navi Veloci SpA), Dario Bocchetti (responsabile risparmio energetico Grimaldi Group) e Leonardo Rondinella (CEO di LGR di Navigazione SpA).

Nella seconda e ultima giornata di lavori, venerdì 16 ottobre, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, il presidente degli armatori europei Thomas Rehder, il vicepresidente della Camera Internazionale dello Shipping (ICS) e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente Ics Esben Poulsson. Accanto a questi interventi e quelli di altri esponenti di spicco del mondo armatoriale e marittimo internazionale, il programma della mattinata ha visto anche la relazione del politologo Roberto D’Alimonte dal titolo The European Union: to be or not to be e l’intervento introduttivo di un esperto di politica estera come Umberto Ranieri.

“Questa varietà di interventi – ha affermato l’avvocato marittimista Francesco S. Lauro, organizzatore della conferenza – è dovuta al fatto che la sesta edizione di Shipping and the Law affronterà, con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese. Mi aspetto a tal riguardo – ha aggiunto Lauro – che la conferenza fornirà una dimostrazione che anche oggi, come già in passato, gli esponenti di spicco e più lungimiranti dell’industria marittima, abituata da sempre ad adattarsi a situazioni e condizioni sempre mutevoli e fluttuanti, avvertono l’esigenza di guardare avanti e di fare con responsabilità la propria parte per contribuire a disegnare scenari sostenibili e di progresso per il futuro”.

Link: http://www.informazionimarittime.it/il-bilancio-sullindustria-marittima-di-shipping-and-the-law-7040

 

Libero Reporter – Shipping and the Law: al via a Napoli VI edizione

Ieri a Napoli la prima giornata dei lavori della Conferenza ‘Shipping and the Law’. Si tratta dell’annuale conferenza organizzata dallo Studio legale Lauro, SLL, con il patrocinio di Confitarma. Quest’anno l’appuntamento ha richiamato a Napoli ancora una volta alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.  Questa i lavori della conferenza sono ospitati nella straordinaria sede monumentale della cappella ottagonale del Pio Monte della Misericordia.

Link: http://www.liberoreporter.it/2015/10/flash/shipping-and-the-law-al-via-a-napoli-vi-edizione.html

Ansa – Ristrutturazioni compagnie al centro di Shipping and the Law

Ristrutturazioni compagnie al centro di Shipping and the Law

Prima giornata dedicata a ruolo fondi in uscita da crisi (ANSA) – NAPOLI, 15 OTT – Finanza, questioni giuridiche inerenti il trasporto marittimo internazionale, innovazione nelle navi. Questi i temi che sono stati al centro della prima giornata di Shipping and the Law, la due giorni di approfondimento sulla navigazione commerciale in corso a Napoli. “Questa sesta edizione dell’evento – ha spiegato Francesco S. Lauro, avvocato marittimista in materie di navigazione e organizzatore del convegno – affronta con un approccio ancora piu’ aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualita’ come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese”. La prima giornata, dopo gli interventi di Efthimios Mitropoulos, segretario generale emerito dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) sui recenti sviluppi dello Shippinginternazionale e di Mans Jacobsson, precedente direttore del fondo internazionale per i risarcimenti da inquinamento petrolifero, sui trattati internazionali e l’uniformita’ del diritto marittimo. A seguire il convegno “Follow the Money” dedicata alla finanza delle imprese armatoriali, presieduta da Diego Pacella (amministratore delegato di Grimaldi Group) nella quale si e’ sviluppato un vivace dibattito sul ruolo degli investitori di private equity nelle operazioni di ristrutturazione delle compagnie del settore provate dalla lunga crisi. Domani la giornata conclusiva con gli interventi del presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, del presidente degli armatori europei Thomas Rehder, del politologo Roberto D’Alimonte e dell’ex parlamentare del Pd Umberto Ranieri. (ANSA). Y7W-DLP 15-OTT-15 20:08 NNNN

Adnkronos – Al via a Napoli Shipping and the Law

 

NAUTICA: AL VIA A NAPOLI “SHIPPING AND THE LAW” =
 
Napoli, 15 ott. (Adnkronos) – Si sono aperti oggi i lavori di “Shipping and the Law”, la conferenza organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma che riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo. La due giorni ha preso il via questa mattina al Pio Monte della Misericordia, con il saluto dell’assessore alle Attività produttive della Regione Campania Amedeo Lepore e l’introduzione di Francesco S. Lauro, avvocato marittimista ideatore dell’evento. La sessione mattutina ha visto gli interventi di Efthimios Mitropoulos, segretario generale emerito dell’Organizzazione marittima internazionale (Imo) sui recenti sviluppi dello Shipping internazionale e di Mans Jacobsson, precedente direttore del fondo internazionale per i risarcimenti da inquinamento petrolifero, sui trattati internazionali e l’uniformità del diritto marittimo. La conferenza è proseguita con la prima sessione di “Follow the money”, dedicata alla finanza delle imprese armatoriali, presieduta da Diego Pacella (direttore finanziario di Grimaldi Group) con la relazione introduttiva di Fabrizio Vettosi (VSL SpA) e gli interventi di Angelo D’Amato (Perseveranza), Giuseppe Rizzo (Rbd Armatori spa) e George Tsavliris (Tsavliris Salvage Group); tra i banchieri: Gaudenzio Bonaldi-Gregori (PillarstonItal, Kkr), Guido Lorenzi (Hig Whitehorse), Francesco Moneta (Lazard), Nino Mowinkel (Breakwater Capital), Philip Van Aerssen (Abn Amro). (segue) (Zca/Adnkronos) 15-OTT-15 19:00 NNNN
(Adnkronos) – Alle critiche del mondo armatoriale per l’eccessiva aggressività dei fondi gli esponenti del settore finanziario hanno illustrato talune strategie innovative finalizzate ad instaurare collaborazioni di lungo termine, non soltanto con investimenti nel capitale di rischio ma anche attraverso forme innovative di private debt. “Occorre progettare delle strutture giuridico-finanziarie – ha dichiarato Lauro nel suo intervento – che possano apportare new equity in soccorso di quelle aziende che, pur essendo strutturalmente sane, soffrono la crisi indotta dal credit crunch e da un mercato troppo a lungo depresso”. La seconda sessione, presieduta del giudice internazionale britannico Sir Bernard Eder e da Francesco S. Lauro e incentrata sulle tematiche giuridiche, ha visto gli interventi di rappresentanti di alcuni dei maggiori studi internazionali del settore, Ince Co., Hill Dickinson, Watson Fairley e dirigenti degli uffici legali di grandi armatori, Luca Forgione (Scorpio) e assicuratori marittimi, Per-Age Nygard (Norwegian Hull Club). A chiusura dei lavori della prima giornata una sessione di dibattiti dedicata ai temi dell’innovazione tecnologica, l’efficienza energetica e le normative in tema di ambiente e sicurezza: “Innovation, Innovation, Innovation”, presieduta da Michele Francioni (Coo di Rina Services spa) e Alberto Moroso (presidente di Atena, Associazione italiana di tecnica navale), che ha visto la partecipazione di esponenti dei maggiori gruppi internazionali che operano nel settore, come Guido Ceccherelli (Ecospray Technologies srl), Volkmar Galke (Wartsila – Winterthur Gas Diesel) e Søren Andersen (Man Diesel), che si sono confrontati con rappresentanti del mondo armatoriale come Lorenzo Matacena (Caronte e Tourist spa), Yavuz Kalkavan (armatore e proprietario dei cantieri Besiktas), Umberto D’Amato (Perseveranza), Roberto Martinoli (ceo di Grandi Navi Veloci spa),Dario Bocchetti (responsabile risparmio energetico Grimaldi Group) e Leonardo Rondinella (ceo di Lgr di Navigazione spa). (segue) (Zca/Adnkronos) 15-OTT-15 19:00 
(Adnkronos) – Domani la seconda giornata dei lavori, con gli interventi del presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, del presidente degli armatori europei Thomas Rehder, del vicepresidente della Camera Internazionale dello Shipping (Ics) e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente Ics Esben Poulsson. “Questa varietà di interventi – dichiara Lauro, organizzatore della conferenza – è dovuta al fatto che la sesta edizione di Shipping and the Law affronterà, con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese. Mi aspetto a tal riguardo che la conferenza fornirà una dimostrazione che anche oggi, come già in passato, gli esponenti di spicco e più lungimiranti dell’industria marittima, abituata da sempre ad adattarsi a situazioni e condizioni sempre mutevoli e fluttuanti, avvertono l’esigenza di guardare avanti e di fare con responsabilità la propria parte per contribuire a disegnare scenari sostenibili e di progresso per il futuro”. (Zca/Adnkronos) 15-OTT-15 19:00 NNNN

Ansa.it – Ristrutturazioni compagnie al centro di Shipping and the Law

(ANSA) – NAPOLI, 15 OTT – Finanza, questioni giuridiche inerenti il trasporto marittimo internazionale, innovazione nelle navi. Questi i temi che sono stati al centro della prima giornata di Shipping and the Law, la due giorni di approfondimento sulla navigazione commerciale in corso a Napoli.”Questa sesta edizione dell’evento – ha spiegato Francesco S.

Lauro, avvocato marittimista in materie di navigazione e organizzatore del convegno – affronta con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese”. La prima giornata, dopo gli interventi di Efthimios Mitropoulos, segretario generale emerito dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) sui recenti sviluppi dello shipping internazionale e di Mans Jacobsson, precedente direttore del fondo internazionale per i risarcimenti da inquinamento petrolifero, sui trattati internazionali e l’uniformità del diritto marittimo. A seguire il convegno “Follow the Money” dedicata alla finanza delle imprese armatoriali, presieduta da Diego Pacella (direttore finanziario di Grimaldi Group) nella quale si è sviluppato un vivace dibattito sul ruolo degli investitori di private equity nelle operazioni di ristrutturazione delle compagnie del settore provate dalla lunga crisi.
Domani la giornata conclusiva con gli interventi del presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, del presidente degli armatori europei Thomas Rehder, del politologo Roberto D’Alimonte e dell’ex parlamentare del Pd Umberto Ranieri.
(ANSA).

15 ottobre, 20:08

IHS Maritime Fairplay – Naples law conference tackles late payment dilemma

15 October 2015

Participants in the Shipping and the Law conference have explored a legal dispute in which an owner wants to end a charterer’s contact and claim damages over being paid a minute late.

The case, which will be presented to London’s Court of Appeals next June, was presented to attendees at the event in Naples, Italy, by Sir Bernard Eder, a former international judge with the Singapore International Commercial Court and currently an Arbitrator at Essex Court Chambers in London.

He described this “difficult question” as “vital to the way that owners and charterers conduct their business”.

The audience at Shipping and the Law, under way on 15-16 October, was canvassed for their opinion, giving a majority view after his presentation against the owner.

Sir Bernard explained that the owner claims a contractual right to end the contract and claim damages, while arguing that a time provision means that “if the charterer does not comply, the owner can bring the contract to an end even if one minute late”.

In contrast, the other party claims there is no general rule that time is of the essence, he added.

Further, the existence of an “anti-technicality clause”, giving the charterer an extra few days to pay, provides “a special reason” for the owner to end the contract and claim damages if the charterer still fails to pay, according to owner’s party, said Sir Bernard.

This party also says that the condition (to cancel and claim damages) is commercial certainty, and that for this to exist, the charterer must pay on time.

Yet the second party argues “certainty is achieved by giving the owner… the right of withdrawal, but commercial certainty does not require that the owner be entitled also to claim damages”, said Sir Bernard.

Each party has put forth its views in documents of at least 100 pages, he added.

Link: http://www.ihsmaritime360.com/article/19575/naples-law-conference-tackles-late-payment-dilemma

IHS Maritime Fairplay – Why maritime conventions get lost in translation

Safety & Security

Why maritime conventions get lost in translation

15 October 2015

Maritime lawyers attending the Shipping and the Law conference in Naples have been alerted to how shipping conventions can suffer from mistranslation.

While international treaties have “proliferated” since the Second World War and often impact shipping, they must “be implemented properly”, said Mans Jacobsson, former director of the International Oil Pollution Compensation Funds (IOPC Funds).

Conventions tend to be implemented through either a monistic or dualistic method, he added.

Under the monistic approach, which is the simplest, treaties are ratified by a government and become domestic law. At this point, their provisions have a higher status than regional law, although “in the real world” they might not take precedence, said Jacobsson.

But with the dualistic method, used by states including Australia, Canada, India, and the UK, treaties become law through a domestic statute, involving legislation drafted in the “linguistic way of local law”.

A translation may not accurately reflect a convention’s original meaning and states are “not very good” at going back to check their interpretations, he said.

Also, as international agreements “have been drafted largely in the Anglo-Saxon style”, they may not be easily understood by judges trained in the European Continental system, he added.

Jacobsson further noted that “more could be done”, despite the uniformity in maritime law already achieved through international treaties.

While the IMO will not support amending or creating treaties without a “clear and compelling need”, these could be required by society, he argued.

“Private stakeholders” can achieve changes through making representations to their governments and industry can also create “soft law”, such as its guidelines for places of refuge and the welfare of seafarers, he said.

The Shipping and the Law conference is being held in Naples on 15-16 October.


Link: http://www.ihsmaritime360.com/article/19574/why-maritime-conventions-get-lost-in-translation

L’Informatore Navale – Industria marittima, aperta a Napoli la VI edizione del convegno internazionale Shipping and tha Law

INDUSTRIA MARITTIMA: APERTA A NAPOLI LA VI EDIZIONE DEL CONVEGNO INTERNAZIONALE SHIPPING AND THE LAW

I-SESSIONE-00187

Oggi si è discusso di finanza, questioni giuridiche e Innovazione.
Domani confronto con Grimaldi, D’Alimonte, Ranieri e armatori provenienti da tutto il mondo su emergenza migratoria, ambiente e scenari mondiali

Napoli, 15 ottobre 2015 – Si è aperta oggi, giovedì 15 ottobre, la prima giornata dei lavori di Shipping and the Law in the recent and current markets, la conferenza organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma che riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.

I lavori di quest’anno si sono aperti stamani presso il Pio Monte della Misericordia: dopo il saluto dell’assessore alle attività produttive della Campania  Amedeo Lepore e l’introduzione di Francesco S. Lauro, avvocato marittimista ideatore dell’evento, la mattinata ha visto gli interventi di Efthimios Mitropoulos, segretario generale emerito dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) sui recenti sviluppi dello shipping internazionale e di Mans Jacobsson, precedente direttore del fondo internazionale per i risarcimenti da inquinamento petrolifero, sui trattati internazionali e l’uniformità del diritto marittimo.
La conferenza è poi proseguita con la prima sessione “Follow the Money” dedicata alla finanza delle imprese armatoriali, presieduta da Diego Pacella (direttore finanziario di Grimaldi Group) nella quale si è sviluppato un vivace dibattito sul ruolo degli investitori di private equity nelle operazioni di ristrutturazione delle compagnie del settore provate dalla lunga crisi. Dopo la relazione introduttiva di Fabrizio Vettosi(VSL SpA) sono intervenuti, tra gli armatori: Angelo D’Amato (Perseveranza),Giuseppe Rizzo (RBD Armatori SpA) e George Tsavliris (Tsavliris Salvage Group); tra i banchieri: Gaudenzio Bonaldi-Gregori (PillarstonItal, KKR), Guido Lorenzi(HIG Whitehorse), Francesco Moneta (Lazard), Nino Mowinkel (Breakwater Capital), Philip Van Aerssen (ABN AMRO). Alle critiche del mondo armatoriale per l’eccessiva aggressività dei fondi gli esponenti del settore finanziario hanno illustrato talune strategie innovative finalizzate ad instaurare collaborazioni di lungo termine, non soltanto con investimenti nel capitale di rischio ma anche attraverso forme innovative di private debt. “Occorre progettare delle strutture giuridico-finanziarie – ha dichiarato Francesco S. Lauro nel suo intervento “A Shipping White Knight Fund” –che possano apportare new equity in soccorso di quelle aziende che, pur essendo strutturalmente sane, soffrono la crisi indotta dal credit crunch e da un mercato troppo a lungo depresso“.

La seconda sessione “Shipping and the Law”presieduta del giudice internazionale britannico Sir Bernard Eder e da Francesco S. Lauro e incentrata sulle tematiche giuridiche, ha visto gli interventi di rappresentanti di alcuni dei maggiori studi internazionali del settore, Ince & Co., Hill Dickinson, Watson Fairley e dirigenti degli uffici legali di grandi armatori, Luca Forgione (Scorpio) e assicuratori marittimi, Per-Age Nygard (Norwegian Hull Club).

A chiusura dei lavori della prima giornata una sessione di dibattiti dedicata ai temi dell’innovazione tecnologica, l’efficienza energetica e le normative in tema di ambiente e sicurezza: “Innovation, Innovation, Innovation”, presieduta da Michele Francioni (COO di Rina Services SpA) e Alberto Moroso (presidente di Atena, Associazione Italiana di Tecnica Navale), che ha visto la partecipazione di esponenti dei maggiori gruppi internazionali che operano nel settore, come Guido Ceccherelli (Ecospray Technologies srl), Volkmar Galke (Wartsila – Winterthur Gas & Diesel) e Søren Andersen (MAN Diesel), che si sono confrontati con rappresentanti del mondo armatoriale come Lorenzo Matacena (Caronte e Tourist SpA), Yavuz Kalkavan (armatore e proprietario dei cantieri Besiktas), Umberto D’Amato(Perseveranza), Roberto Martinoli (CEO di Grandi Navi Veloci SpA), Dario Bocchetti (responsabile risparmio energetico Grimaldi Group) e Leonardo Rondinella (CEO di LGR di Navigazione SpA).

DOMANI 16 OTTOBRE, SECONDA E ULTIMA GIORNATA DI LAVORIDopo questa prima giornata i lavori di Shipping and the Law raggiungeranno il loro culmine nella mattinata di domani, venerdì 16 ottobre, quando interverranno, tra gli altri, il presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, il presidente degli armatori europei Thomas Rehder, il vicepresidente della Camera Internazionale dello Shipping (ICS) e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente ICS Esben Poulsson.

Accanto a questi interventi e quelli di altri esponenti di spicco del mondo armatoriale e marittimo internazionale, il programma della mattinata di venerdì vedrà anche la relazione del politologo Roberto D’Alimonte dal titolo The European Union: to be or not to be e l’intervento introduttivo di un fine esperto di politica estera come Umberto Ranieri“Questa varietà di interventi afferma l’avvocato marittimista Francesco S. Lauro, organizzatore della conferenza – è dovuta al fatto che la sesta edizione di Shipping and the Law affronterà, con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese. Mi aspetto a tal riguardo che la conferenza fornirà una dimostrazione che anche oggi, come già in passato, gli esponenti di spicco e più lungimiranti dell’industria marittima, abituata da sempre ad adattarsi a situazioni e condizioni sempre mutevoli e fluttuanti, avvertono l’esigenza di guardare avanti e di fare con responsabilità la propria parte per contribuire a disegnare scenari sostenibili e di progresso per il futuro”.

LA LOCATION
Shipping and the Law si caratterizza anche per la scelta di voler valorizzare ogni anno presso un pubblico proveniente da ogni parte del mondo una diversa location partenopea che sia unica e suggestiva dal punto del valore artistico, storico o paesaggistico.qqqua
I lavori della conferenza di quest’anno si svolgeranno nella straordinaria sede monumentale della cappella ottagonale del Pio Monte della Misericordia, un gioiello del primo Seicento napoletano in cui è custodito uno dei maggiori capolavori di Michelangelo Merisi da Caravaggio, “Le Sette Opere di Misericordia”. La mattinata di Venerdì 16, che sarà in parte dedicata all’emergenza migratoria attraverso il Mediterraneo, sarà aperta dal famoso storico dell’arte, prof. John T. Spike, con una lectio dal titolo “Caravaggio and the Seven Acts of Mercy”, che si ricollegherà all’ospitalità dei fuggitivi.

Link: http://www.informatorenavale.it/news/industria-marittima-aperta-a-napoli-la-vi-edizione-del-convegno-internazionale-shipping-and-the-law/

MHW Magazine – Shipping and the Law in the recent and current markets

Shipping and the Law in the recent and current markets

13 October 2015

15th and 16th October 2015, NAPLES, Pio Monte della Misericordia, Via dei Tribunali 253CONFERENCE PROGRAMME
In Naples, on the 15th and 16th October, will take place the 6th edition of Shipping and the Law in the recent and current markets.
This annual conference, organised by Studio Legale Lauro under the patronage of Confitarma (The Italian Shipowners’ Association), brings together some of the most outstanding personalities of the industry such as ship owners, shipbuilders, financial experts, insurance specialists, and other jurists specialised in the maritime field.
The conference works will begin on the morning of Thursday 15th October with a speech by Efthimios Mitropoulos on “Recent Developments in International Shipping”. Others present include Emanuele Grimaldi President of Confitarma, Thomas Rehder President of the European Community Shipowners’ Association, John C. Lyras Vice President of the International Chamber of Shipping. Among the others include Esben Poulsson, Vice President of ICS and the Singapore Shipping Association, who will speak about “The Emergence of Asia as a Major Force in Shipping”; Mans Jacobsson, Former director of the Oil Pollution Compensation Funds, who will speak about “To What Extent do International Treaties Result in the Uniformity of Maritime Law?”; Former UK Court of Appeals judge, Sir Bernard Eder, who will deal with the question, “Is Payment a Condition of Hire?”; Yavuz Kalkavan, President of Besiktas Gemi Insa, on “Turkish Shipyards and Turkish Shipping”; and ship owner, Lorenzo Matacena, on “LNG – A systematic solution”.
Organizer of the event, Francesco S. Lauro, stated that “the success of previous editions of Shipping and the Law, due mostly to the quality of speakers and the interesting topics discussed, made it necessary to cover the conference over the course of two days. Despite this, there always seems too little time for what is a total immersion in the maritime culture and also more general issues.”CONFERENCE PROGRAMME
On the morning of Thursday 15th October, there will be a session on the current forms of ship financing. Chaired by Managing Director of the Grimaldi Group, Diego Pacella, and with an introduction by Fabrizio Vettosi, Managing Director of Venice Shipping and Logistics, organiser of the event, Francesco S. Lauro, will make a presentation on the “The Shipping White Knight Fund”,which will be followed by an in-depth discussion by leading figures of international major banks, investment funds, as well as ship owners like Angelo D’Amato e Giuseppe Rizzo and experts in ship finance.After the lunch, which will be held in the beautiful square of Pio Monte, will begin the “Shipping and the Law” session chaired by Sir Bernard Eder and Francesco S. Lauro, which will feature an interesting debate among important lawyers, arbitrators, prominent ship owners, and operators in the maritime sector. The day will conclude with a session dedicated to technological innovation, energy efficiency, and environmental and safety regulation, which in which the most important international groups that operate in this sector will be represented.Many of the institutional personalities already mentioned will be present on the morning of the Friday to discuss the migration crisis, the geopolitical situation of Mediterranean countries, and be part of a roundtable discussion to analyse the scenarios and challenges of changes in the maritime industry in addition to the new and more stringent regulations designed to protect the environment. Among the others who will participate in this discussion include Lorenzo Banchero, Giuseppe Bottiglieri, Peppino D’Amato, Federico Deodato, Mauro Iguera, Roberto Martinoli, Ugo Salerno, George Tsavliris, Mario Mattioli and John Xylas. There will also be a presentation by university professor Roberto D’Alimonte on “The European Union: To Be or Not To Be?”. After the lunch there will be the “Managing the Risks” session dedicated to marine insurance and chaired Federico Deodato and Mauro Iguera. This year, the conference works will close with a session titled,“Looking to the Future”, which will be chaired by President of the Young Italian Shipowners at Confitarma, Andrea Garolla di Bard, and Lorenzo Banchero. Attended by several young ship owners, who will represent the next generation, they will try to divine the future of shipping alongside the more established and long-lived experts of the industry.

CONFERENCE PROGRAMME

LOCATION
Shipping and the Law is characterised by the desire of the organisers to hold the conference each year in a new and historically important location of Naples, unique for its cultural significance and artistic aesthetic.
The conference venue location is the unique venue of the monumental octagonal chapel of Pio Monte Della Misericordia, a jewel of early 17th century Neapolitan architecture, and which houses one of the greatest masterpieces by Michelangelo Merisi da Caravaggio, “The Seven Acts of Mercy”. On the morning of Friday 16th October, during which a part of the day’s proceedings will deal will the humanitarian migration crisis in the Meditteranean, famous art historian, John T. Spike, will give the presentation, “Caravaggio and the Seven Acts of Mercy”.STUDIO LEGALE LAURO
Established in 1993, Studio Legale Lauro has offices in Naples and in Rome and offers a wide range of legal services in Maritime, Commercial and International Law matters. Its lawyers provide specialized assistance in Shipping, Transportation, Commercial, Corporate, Banking, Insurance, Construction and Bankruptcy law, whether in an advisory capacity or as counsel in litigation proceedings in Italian courts and arbitration tribunals. Through its work with leading Italian and foreign shipowners, banks and financial lenders, Studio Legale Lauro has developed significant expertise in Mergers & Acquisitions, in Partnership and Joint Venture Agreements, and in various types of Financing Transactions. It also regularly acts on behalf of Shipowners, P&I Clubs, Underwriters, Charterers, Traders, Logistic Operators, Ship-Builders, Port and Infrastructure Builders, Banks and generally for maritime and commercial clients worldwide.SHIPPING AND THE LAW 2015
Over the past five years, Shipping and the Law has become an annual appointment for Italy’s maritime industry, building a reputation for high quality debate in a friendly and informal atmosphere. This exclusive event is scheduled to take place on the 15th and 16th October in Naples, home to over half of Italian tonnage. As with past editions, Shipping and the Law 2015 will provide a high-calibre networking opportunity for Shipowners, Bankers, Charterers, Underwriters and P&I Club managers, leading Maritime Lawyers and international shipping Arbitrators. The event will include debate from industry leaders on the latest and hottest issues in shipping.
Link: http://mhwmagazine.co.uk/LatestNews/Shipping_and_the_Law_in_the_recent_and_current_markets-19647.html

 

Nautica Report – Shipping and the Law in the recent and current markets

Shipping and the Law in the recent and current markets

Shipping and the Law in the recent and current markets

Napoli, 15 e 16 ottobre 2015 – Pio Monte della Misericordia, Via dei Tribunali 253

L’INDUSTRIA MARITTIMA INTERNAZIONALE SI CONFRONTA A NAPOLI SU EMERGENZA MIGRATORIA, AMBIENTE E SCENARI MONDIALI
A Napoli giovedì 15 e venerdì 16 ottobre due giornate di lavori con armatori, giuristi, costruttori di navi e finanzieri, all’ombra delle Sette Opere di Misericordia del Caravaggio

Il 15 e 16 ottobre Napoli ospiterà la sesta edizione di Shipping and the Law in the recent and current markets. La conferenza, organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma, riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.

I lavori di quest’anno saranno aperti presso il Pio Monte della Misericordia da una relazione del Secretary General Emeritus dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) Efthimios Mitropoulos e raggiungeranno il loro culmine nella mattinata di venerdì 16 quando interverranno, tra gli altri, il presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, il presidente degli armatori europei Thomas Rehder, il vicepresidente della Camera Internazionale dello Shipping (ICS) e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras, l’attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente ICS Esben Poulsson.

Accanto a questi interventi e quelli di altri esponenti di spicco del mondo armatoriale e marittimo internazionale, il programma della mattinata di venerdì vedrà anche la relazione del politologo Roberto D’Alimonte dal titolo The European Union: to be or not to be e l’intervento introduttivo di un fine esperto di politica estera come Umberto Ranieri. “Questa varietà di interventi – afferma l’avvocato marittimista Francesco S. Lauro, organizzatore della conferenza – è dovuta al fatto che la sesta edizione di Shipping and the Law affronterà, con un approccio ancora più aperto del solito, l’intreccio tra le tematiche del settore marittimo e grandi temi d’attualità come l’emergenza migratoria, i conflitti in Medio Oriente e in Africa, il mancato decollo di un ruolo politico unitario dell’Unione Europea, le fluttuazioni del prezzo del petrolio, le nuove norme a difesa dell’ambiente, il rallentamento dell’economia cinese. Mi aspetto a tal riguardo che la conferenza fornirà una dimostrazione che anche oggi, come già in passato, gli esponenti di spicco e più lungimiranti dell’industria marittima, abituata da sempre ad adattarsi a situazioni e condizioni sempre mutevoli e fluttuanti, avvertono l’esigenza di guardare avanti e di fare con responsabilità la propria parte per contribuire a disegnare scenari sostenibili e di progresso per il futuro”.

IL PROGRAMMA

LA LOCATION

Shipping and the Law si caratterizza anche per la scelta di voler valorizzare ogni anno presso un pubblico proveniente da ogni parte del mondo una diversa location partenopea che sia unica e suggestiva dal punto del valore artistico, storico o paesaggistico.

I lavori della conferenza di quest’anno si svolgeranno nella straordinaria sede monumentale della cappella ottagonale del Pio Monte della Misericordia, un gioiello del primo Seicento napoletano in cui è custodito uno dei maggiori capolavori di Michelangelo Merisi da Caravaggio, “Le Sette Opere di Misericordia”. La mattinata di Venerdì 16, che sarà in parte dedicata all’emergenza migratoria attraverso il Mediterraneo, sarà aperta dal famoso storico dell’arte, prof. John T. Spike, con una lectio dal titolo “Caravaggio and the Seven Acts of Mercy”, che si ricollegherà all’ospitalità dei fuggitivi

 

Link: http://www.nauticareport.it/dettnews.php?idx=3763&pg=7692

LMAA – Shipping and the Law 2015

lmaa-logo

The 6th edition of Shipping and the Law will take place on the 15th and 16th October 2015 in Naples.
In this edition, as in previous years, there will be a wide set of authoritative speakers, panellists and delegates coming from across Italy, Europe, and the World.
As usual, there will be sections and panels on the status of various topics relating to Shipping, Ship Finance, Marine Insurance, Maritime Law, and other related industry sectors.
Further communication as to the program and the Conference events’ locations will be released shortly.

ANSA – Ambiente e situazione Med al centro di Shipping and the Law

 

A Napoli due giornate con armatori, costruttori, consulenti (ANSA) NAPOLI, 12 OTT – Gli sviluppi del mercato internazionale dei trasporti commerciali, l’emergere dell’Asia come una delle forze preminenti del mondo dello shipping, le nuove limitazioni normative a protezione dell’ambiente e la situazione geopolitica nel Mediterraneo. sono alcuni dei temi che veranno affrontati a Napoli il 15 e 16 ottobre nel corso dell’annuale appuntamento “shipping and the law”. La conferenza, organizzata dallo Studio Legale Lauro sotto il patrocinio di Confitarma portera’ allo stesso tavolo, al Pio Monte della Misericordia di Napoli, alcune delle piu’ importanti personalita’ dell’industria del commercio marittimo, dagli armatori ai costruttori di navi, agli esperti di finanza e di assicurazioni, fino ai consulenti legali. Ad aprire la sesta edizione sara’ giovedi’ mattina Efthimios Mitropoulos, ex segretario generale dell’Organizzazione Marittima Internazionale. Tra gli altri relatori attesi spiccano Emanuele Grimaldi, presidente dei Confitarma; Thomas Rehder, presidente della Assocaizone Europea degli Armatori; John C. Lyras, vice presidente della Camera Internazionale della Navigazione; Esben Poulsson, vice presidente della Singapore shippingAssociation. “Il successo delle precedenti edizioni – ha spiegato Francesco Lauro, organizzatore dell’evento – e’ dovuto soprattutto all’alto livello dei relatori e all’alto valore dei temi trattati, per questyo abbiamo deciso di svolgere la conferenza in due giornate che permetteranno a tutti i partecipanti di immergersi totalmente nella cultura marittima”. (ANSA). Y7W-TOR 12-OTT-15 15:08 NNNN

Messaggero Marittimo – Convegno a Napoli “Shipping and the Law”

Monday, 12 October 2015 17:05

NAPOLI – Gli sviluppi del mercato internazionale dei trasporti commerciali, l’emergere dell’Asia come una delle forze preminenti del mondo dello shipping, le nuove limitazioni normative a protezione dell’ambiente e la situazione geopolitica nel Mediterraneo. Sono alcuni dei temi che veranno affrontati a Napoli il 15 e 16 Ottobre nel corso dell’annuale appuntamento “Shipping and the law”.
La conferenza, organizzata dallo Studio Legale Lauro sotto il patrocinio di Confitarma porterà allo stesso tavolo, al Pio Monte della Misericordia di Napoli, alcune delle più importanti personalità dell’industria del commercio marittimo, dagli armatori ai costruttori di navi, agli esperti di finanza e di assicurazioni, fino ai consulenti legali.
Ad aprire la sesta edizione sarà giovedì mattina Efthimios Mitropoulos, ex segretario generale dell’Organizzazione Marittima Internazionale. Tra gli altri relatori attesi spiccano Emanuele Grimaldi, presidente di Confitarma; Thomas Rehder, presidente della Assocaizone Europea degli Armatori; John C. Lyras, vice presidente della Camera Internazionale della Navigazione; Esben Poulsson, vice presidente della Singapore Shipping Association.
«Il successo delle precedenti edizioni – ha spiegato Francesco Lauro, organizzatore dell’evento – è dovuto soprattutto all’alto livello dei relatori e all’alto valore dei temi trattati, per questyo abbiamo deciso di svolgere la conferenza in due giornate che permetteranno a tutti i partecipanti di immergersi totalmente nella cultura marittima».

Link: http://www.messaggeromarittimo.it/archvio-articoli-2/item/74385-convegno-a-napoli-%C2%ABshipping-and-the-law%C2%BB.html

Hellenic Shipping News – Industry leaders from around the world gather in Naples for Shipping & The Law

hellenic_shipping_news_logo

 

Leading opinion-makers and industry leaders from Italy, Europe and around the world will once again gather in Naples for the sixth edition of Shipping & The Law on 15th and 16th October 2015.

On the morning of Thursday 15th October, IMO Secretary General Emeritus, Efthimios Mitropoulos, will open the conference with a keynote speech on Recent Developments in International Shipping.

This year, the newly-elected Presidents of two leading industry associations, Thomas Rehder of the European Community Shipowners Association and Esben Poulsson of the Singapore Shipowners Association, will join key personalities and previous attendees Emanuele Grimaldi, President of the Italian Shipowners Association, and John C. Lyras, former President of Greek and European Community Shipowners Association. John C. Lyras and Esben Poulsson both currently serve as Vice Chairmen of the International Chamber of Shipping.

The former English Court of Appeal judge Sir Bernard Eder will speak on the Astra/Spar Shipping decisions. Former Director of the Oil Pollution Limitation Fund, Mans Jacobsson will consider whether international treaties result in the uniformity of Maritime Law and Jonathan Lux of Stone Chambers will speak on the relationship between arbitration and mediation.

Principal of Studio Legale Lauro, Francesco S. Lauro, who will chair the opening session, says the programme for this year’s conference will provide a rich and varied commentary on the issues affecting the maritime industry in Europe and beyond.

“Our programme considers immediate and pressing issues including the humanitarian emergency posed by the Mediterranean migration crisis, new scenarios arising from the enlargement of Suez Canal, the challenges posed by the imbalance between shipbuilding capacity and shipping demand”.

Innovation and implementation of new technologies, maritime security and the environmental regulatory framework will also be considered.

“In addition, current trends in ship finance and debt restructuring, new competition requirements and changes in regulations, current trends in marine insurance and liability regulations, recent judicial and arbitration trends decisions contractual and in tort will be discussed and debated,” adds Lauro.

More than 150 participants including shipowners, bankers and other industry leaders, are expected at the event which begins on the morning of 15 October with a finance session in which some of the most active banks and funds involved in the shipping industry will participate.

Thursday evening sees a black tie Gala Dinner hosted in a XVI century Palace which belonged to the scholar and collector Gaetano Filangieri, now a private museum which will reopen after many years for the event.

The Conference itself will be held in a jewel of the Neapolitan architecture, the octagonal chapel of Pio Monte della Misericordia where delegates will be able to admire, among other important works of art, one of the most magnificent masterpieces of the Italian painter Michelangelo Merisi Da Caravaggio’s ‘The Seven Acts of Mercy’.

The event concludes on Friday evening with an informal outdoor reception on the Bay of Naples.
Source: Shipping & The Law (Studio Legale Lauro)

http://www.hellenicshippingnews.com/industry-leaders-from-around-the-world-gather-in-naples-for-shipping-the-law/

Bollettino Avvisatore Marittimo – Al via a Napoli la VI edizione di Shipping and the Law

Testata+sito HR

 

dot Al via a Napoli la VI edizione di Shipping and the Law

Shipping and the Law, l’evento ideato e condotto dall’avvocato marittimista napoletano, Francesco Saverio Lauro, celebra la sesta edizione. Si terrà a  Napoli il 15 e 16 ottobre in Pio Monte della Misericorda, in via dei Tribunali.
Organizzata con il patrocinio della Confitarma, la manifestazione riunisce molte delle personalità più importanti del settore dello shipping e delle attività ad esso riconducibili. Armatori, costruttori, esperti finanziari, specialisti assicurativi e altri giuristi specializzati nel settore marittimo, dibatteranno ed approfondiranno molti degli attuali temi che riguardano il settore.

I lavori di quest’anno saranno aperti la mattina di giovedì 15 ottobre da una relazione del Secretary General Emeritus della International Maritime Organization, Efthimios Mitropoulos, su “Recent Developments in International Shipping”. Tra le presenze già confermate quelle del presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, del presidente della European Community Shipowners Association Thomas Rehder, del vicepresidente della International Chamber of Shipping e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras. Interverranno, tra gli altri, Esben Poulsson, attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente ICS, che parlerà su “The Emergence of Asia as a Major Force in Shipping”, Mans Jacobsson, già Direttore del The International Oil Pollution Compensation Funds, che tratterà il tema “To What Extent Do International Treaties Result in the Uniformity of Maritime Law”, Sir Bernard Eder, arbitro ed ex giudice della Court of Appeal di Londra, che si soffermerà sulla questione “Is Payment a Condition of Hire?”, Yavuz Kalkavan, Presidente del Besiktas Gemi Insa, che farà un intervento dal titolo “Turkish Shipyards and Turkish Shipping”, l’armatore Lorenzo Matacena, che relazionerà il tema “LNG – A Systematic Solution”.
La mattina di giovedì 15 si terrà una sessione dedicata alle attuali forme di finanziamento del settore armatoriale, presieduta da un amministratore delegato della Grimaldi Group, Diego Pacella, durante la quale, dopo una relazione introduttiva di Fabrizio Vettosi, Managing Director della Venice Shipping and Logistics ed un intervento dell’organizzatore del convegno Francesco S. Lauro su “A Shipping White Knight Fund”, si confronteranno esponenti di spicco di importanti istituti di credito, merchant bank e fondi di investimento italiani e stranieri con armatori come Angelo D’Amato e Giuseppe Rizzo ed esperti di ship finance.
Nel pomeriggio seguirà la sessione “Shipping and the Law”, presieduta da Sir Bernard Eder e Francesco Saverio Lauro, che vedrà il confronto tra alcuni dei maggiori avvocati, arbitri ed alcuni eminenti armatori ed operatori del settore marittimo. La giornata si chiuderà con una sessione dedicata a innovazione tecnologica, efficienza energetica e normative in tema di ambiente e sicurezza, che sarà presieduta da Umberto D’Amato e Alberto Moroso e che vedrà la partecipazione dei maggiori gruppi internazionali che operano nel settore e Rappresentanti del mondo armatoriale.
La mattinata di venerdì vedrà poi, accanto a numerose presenze istituzionali ed interventi riguardanti l’emergenza migratoria e la situazione geopolitica dei paesi dell’area del Mediterraneo, una tavola rotonda in cui si analizzeranno gli scenari e le sfide relative all’evoluzione dei mercati marittimi e l’introduzione di nuove e sempre più stringenti regole a tutela dell’ambiente, alla quale parteciperanno Lorenzo Banchero, Giuseppe Bottiglieri, Peppino D’Amato, Federico Deodato, Mauro Iguera, Roberto Martinoli, Andrea Mastellone, Ugo Salerno, George Tsavliris, Mario Mattioli e John Xylas. Da segnalare, tra gli interventi a carattere politico-culturale, quello del prof. Roberto D’Alimonte su “The European Union: To Be or Not To Be?”. Nel pomeriggio si terrà la sessione “Managing the Risk” dedicata allo stato dell’arte del settore assicurativo corpi e P&I presieduta come di consuetudine da Federico Deodato e Mauro Iguera. Quest’anno i lavori si chiuderanno con una sessione dal titolo “Looking to the Future”, presieduta dal Presidente del Gruppo Giovani Armatori presso Confitarma, Andrea Garolla di Bard e daLorenzo Banchero, in cui alcuni giovani armatori, tra cui Valeria Novella e Giacomo Gavarone che rappresentano il nuovo che avanza, proveranno a tracciare uno scenario futuro assieme ad alcuni “grandi vecchi” dello shipping.

http://www.informazionimarittime.it/al-via-a-napoli-la-vi-edizione-di-shipping-and-the-law-7024

 

SeaNews – Industry leaders from around the world gather in Naples for Shipping & The Law

seanews

 

Industry leaders from around the world gather in Naples for Shipping & The Law

First

 

| Tuesday, 09.15.2015, 11:33 PM |   (214 views)|

 


Naples, Italy, 16 September 2015. Leading opinion-makers and industry leaders from Italy, Europe and around the world will once again gather in Naples for the sixth edition of Shipping & The Law on 15th and 16th October 2015.


Industry leaders from around the world gather in Naples for Shipping & The Law 

Naples, Italy, 16 September 2015. Leading opinion-makers and industry leaders from Italy, Europe and around the world will once again gather in Naples for the sixth edition of Shipping & The Law on 15th and 16th October 2015.

On the morning of Thursday 15th October, IMO Secretary General Emeritus, Efthimios Mitropoulos, will open the conference with a keynote speech on Recent Developments in International Shipping.

This year, the newly-elected Presidents of two leading industry associations, Thomas Rehder of the European Community Shipowners Association and Esben Poulsson of the Singapore Shipowners Association, will join key personalities and previous attendees Emanuele Grimaldi, President of the Italian Shipowners Association, and John C. Lyras, former President of Greek and European Community Shipowners Association. John C. Lyras and Esben Poulsson both currently serve as Vice Chairmen of the International Chamber of Shipping.

The former English Court of Appeal judge Sir Bernard Eder will speak on the Astra/Spar Shipping decisions. Former Director of the Oil Pollution Limitation Fund, Mans Jacobsson will consider whether international treaties result in the uniformity of Maritime Law and Jonathan Lux of Stone Chambers will speak on the relationship between arbitration and mediation.

Principal of Studio Legale Lauro, Francesco S. Lauro, who will chair the opening session, says the programme for this year’s conference will provide a rich and varied commentary on the issues affecting the maritime industry in Europe and beyond.

“Our programme considers immediate and pressing issues including the humanitarian emergency posed by the Mediterranean migration crisis, new scenarios arising from the enlargement of Suez Canal, the challenges posed by the imbalance between shipbuilding capacity and shipping demand”.

Innovation and implementation of new technologies, maritime security and the environmental regulatory framework will also be considered.

“In addition, current trends in ship finance and debt restructuring, new competition requirements and changes in regulations, current trends in marine insurance and liability regulations, recent judicial and arbitration trends decisions contractual and in tort will be discussed and debated,” adds Lauro.

More than 150 participants including shipowners, bankers and other industry leaders, are expected at the event which begins on the morning of 15 October with a finance session in which some of the most active banks and funds involved in the shipping industry will participate.

Thursday evening sees a black tie Gala Dinner hosted in a XVI century Palace which belonged to the scholar and collector Gaetano Filangieri, now a private museum which will reopen after many years for the event.

The Conference itself will be held in a jewel of the Neapolitan architecture, the octagonal chapel of Pio Monte della Misericordia where delegates will be able to admire, among other important works of art, one of the most magnificent masterpieces of the Italian painter Michelangelo Merisi Da Caravaggio’s ‘The Seven Acts of Mercy’.

The event concludes on Friday evening with an informal outdoor reception on the Bay of Naples.

To register for the conference, please visit: www.shippingandthelaw.org/

Marco Polo news – Shipping and the Law in the recent and current markets

Shipping and the Law in the recent and current markets

shipping-law1-marcopolonewsIl 15 e 16 ottobre Napoli ospiterà la sesta edizione di Shipping and the Law in the recent and current markets. La conferenza, organizzata dallo Studio legale Lauro con il patrocinio di Confitarma, riunisce ogni anno a Napoli alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre a giuristi specializzati nel diritto marittimo provenienti da tutto il mondo.

I lavori di quest’anno saranno aperti la mattina di giovedì 15 ottobre da una relazione del Secretary General Emeritus della International Maritime Organization, Efthimios Mitropoulos, su “Recent Developments in International Shipping”. Tra le presenze già confermate di quest’anno quelle del presidente di Confitarma Emanuele Grimaldi, del presidente della European Community Shipowners Association Thomas Rehder, del vicepresidente della International Chamber of Shipping e già presidente degli armatori greci ed europei John C. Lyras . Interverranno, tra gli altri, Esben Poulsson, attuale presidente degli armatori di Singapore e vicepresidente ICS, che parlerà su “The Emergence of Asia as a Major Force in Shipping”, Mans Jacobsson, già Direttore del The International Oil Pollution Compensation Funds, che tratterà il tema “To What Extent Do International Treaties Result in the Uniformity of Maritime Law”, Sir Bernard Eder, arbitro ed ex giudice della Court of Appeal di Londra, che si soffermerà sulla questione “Is Payment a Condition of Hire?”, Yavuz Kalkavan, Presidente del Besiktas Gemi Insa, che farà un intervento dal titolo “Turkish Shipyards and Turkish Shipping”, l’armatore Lorenzo Matacena, che interverrà sul tema “LNG – A Systematic Solution”.

La mattina di giovedì 15 si terrà una sessione dedicata alle attuali forme di finanziamento del settore armatoriale, presieduta dashipping-law-marcopolonews un amministratore delegato della Grimaldi Group, Diego Pacella, durante la quale, dopo una relazione introduttiva di Fabrizio Vettosi, Managing Director della Venice Shipping and Logistics ed un intervento dell’organizzatore del convegno Francesco S. Lauro su “A Shipping White Knight Fund”, si confronteranno esponenti di spicco di importanti istituti di credito, merchant bank e fondi di investimento italiani e stranieri con armatori ed esperti di ship finance.

Dopo il lunch seguirà una sessione dal nome “Shipping and the Law”, presieduta da Sir Bernard Eder e Francesco S. Lauro, che vedrà il confronto tra alcuni dei maggiori avvocati, arbitri ed alcuni eminenti armatori ed operatori del settore marittimo.

La giornata si chiuderà con una sessione dedicata a innovazione tecnologica, efficienza energetica e normative in tema di ambiente e sicurezza, che sarà presieduta da Umberto D’Amato e Alberto Moroso e che vedrà la partecipazione dei maggiori gruppi internazionali che operano nel settore e Rappresentanti del mondo armatoriale.

La mattinata di venerdì vedrà poi, accanto a numerose presenze istituzionali ed interventi riguardanti l’emergenza migratoria e la situazione geopolitica dei paesi dell’area del Mediterraneo, una tavola rotonda in cui si analizzeranno gli scenari e le sfide relative all’evoluzione dei mercati marittimi e l’introduzione di nuove e sempre più stringenti regole a tutela dell’ambiente, alla quale parteciperanno Lorenzo Banchero, Giuseppe Bottiglieri, Peppino D’Amato, Federico Deodato, Mauro Iguera, Roberto Martinoli, Andrea Mastellone, Ugo Salerno, George Tsavliris e John Xylas. Da segnalare, tra gli interventi a carattere politico-culturale, quello del prof. Roberto D’Alimonte su “The European Union: To Be or Not To Be?”. Dopo il lunch si svolgerà la consueta sessione “Managing the Risk” dedicata allo stato dell’arte del settore assicurativo corpi e P&I presieduta come di consuetudine da Federico Deodato e Mauro Iguera. Quest’anno i lavori si chiuderanno con una sessione dal titolo “Looking to the Future”, presieduta dal Presidente del Gruppo Giovani Armatori presso Confitarma, Andrea Garolla di Bard e da Lorenzo
Banchero, in cui alcuni giovani armatori, tra cui Valeria Novella e Giacomo Gavarone che rappresentano il nuovo che avanza, proveranno a tracciare uno scenario futuro assieme ad alcuni “grandi vecchi” dello shipping.

Shipping and the Law si caratterizza anche per la scelta di voler valorizzare ogni anno presso un pubblico proveniente da ogni parte del mondo una diversa location partenopea che sia unica e suggestiva dal punto del valore artistico, storico o paesaggistico.

I lavori della conferenza di quest’anno si svolgeranno nella straordinaria sede monumentale della cappella ottagonale del Pioshipping-law2-marcopolonewsMonte della Misericordia, un gioiello del primo Seicento napoletano in cui è custodito uno dei maggiori capolavori di Michelangelo Merisi da Caravaggio,
“Le Sette Opere di Misericordia”. La mattinata di Venerdì 16, che sarà in parte dedicata all’emergenza migratoria attraverso il Mediterraneo, sarà aperta dal famoso storico dell’arte, prof. John T. Spike, con una lectio dal titolo “Caravaggio and the Seven Acts of Mercy”, che si ricollegherà all’ospitalità dei fuggitivi.

Lo Studio Legale Lauro, costituito a Napoli nel 1993, si distingue per la versatilità nell’offrire un’ accurata consulenza ed assistenza legale nel settore del diritto della navigazione, del diritto commerciale e del diritto internazionale privato.

Le professionalità dello Studio Lauro assicurano competenze specialistiche in diritto della navigazione e dei trasporti, commerciale e societario,industriale, fallimentare, bancario, assicurativo. E ciò per quanto attiene al contenzioso, dinanzi alle autorità giudiziarie ed a collegi arbitrali, che nella consulenza aziendale con particolare riferimento alla contrattualistica nazionale ed internazionale.

Redazione

7 Ottobre 2015

 

Informatore Navale – Napoli: Shipping and the Law, ultimi giorni per iscriversi

Napoli: Shipping and the Law,ultimi giorni per iscriversi

lauro francesco saverioNapoli, 30 settembre 2014 – Il 7 e l’8 ottobre a Napoli V edizione della conferenza internazionale “Shipping and the Law”, che rappresenta da cinque anni l’evento italiano ed internazionale in occasione del quale alcuni tra i maggiori attori del mondo dello shipping, della finanza e di altre attività legate all’industria marittima si incontrano per confrontarsi sui temi più importanti del settore. La quinta edizione dell’ormai tradizionale appuntamento voluto e organizzato da Francesco Saverio Lauro, avvocato marittimista già presidente dell’Autorità Portuale di Napoli, si svolgerà quest’anno nei giorni 7 ed 8 ottobre nella città partenopea attorno alla quale è concentrato più della metà dell’armamento italiano.
L’incontro vedrà anche quest’anno come relatori, panelist e delegati alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre ad avvocati, giuristi e arbitri internazionali marittimi provenienti da tutto il mondo.I LAVORIShipping and the Law in the Recent and Current Markets – 2014 7 ottobre ore 16-19 Workshop ‘Eco-ships: Investing in Technologies’ (Palazzo du Mesnil, Via Partenope 10/A – Napoli)Quest’anno l’abituale conferenza che si terrà mercoledì 8 ottobre sarà preceduta ed ampliata da un premiere workshop intitolato “Eco-ships: Investing in Technologies”, previsto per il pomeriggio del giorno 7 ottobre e organizzato grazie al supporto di Wartsila. L’iniziativa, che prevede un dress code informale, è organizzata assieme al Gruppo Giovani Armatori di Confitarma e ad ATENA Associazione italiana di Tecnica Navale, i cui presidenti Andrea Garolla di Bard ed Alberto Moroso modereranno il dibattito.
Previsti gli interventi di: Apostolos Poulovassilis, Umberto D’Amato, Fabio Di Felice, Dario Bocchetti, Volkmar Galke e Guido Ceccherelli.
A seguire un panel moderato da Ugo Salerno, dal titolo “Why investing in eco-ships?” in cui interverranno Emanuele Lauro, Lorenzo Matacena, Valeria Novella, Jeffrey Pribor (il numero uno della merchant bank Jefferies) e vari giovani armatori di Confitarma.

8 ottobre ore 9-18 Conferenza ‘Shipping and the Law in the recent and current markets’ al (Complesso Monumentale Santa Maria Donnaregina, Via Luigi Settembrini, 80 – Napoli)

La conferenza che si svolgerà nell’intera giornata di mercoledì 8 ottobre prevede quattro sessioni.
Durante la sessione di apertura Emanuele Grimaldi, John C. Lyras, Vincenzo Petrone, Jeffrey Pribor, Ugo Salerno e John Wiik discuteranno di “Global Challenges and Strategic Decisions in the Current Shipping Markets” in un panel che sarà moderato da Francesco S. Lauro e Richard Fulford-Smith, con le conclusioni a cura di Peppino D’Amato. La sessione, a cui è invitato il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, è realizzata con in contributo di Caronte & Tourist SpA e si concluderà con temi geopolitici: “Geo-political outlook”, una relazione a cura del gen. Vincenzo Camporini, ex Capo di Stato maggiore della Difesa, e l’intervento di Marco del Panta, del Ministero degli Affari Esteri, che descriverà lo stato dell’arte della missione “Mare Nostrum”.
Nella seconda sessione “Follow the Money”, presieduta da Diego Pacella e Jeffrey Pribor, si parlerà di finanza: armatori, banchieri ed esperti finanziari si confronteranno in particolare sul ruolo del private equity nell’industria dello shipping, ma anche su altri temi come l’accesso al credito e la ristrutturazione delle imprese in sofferenza. Tra le banche presenti, oltre al gruppo Intesa – rappresentato da Maurizio Barracco, presidente del Banco di Napoli – vi saranno, tra le altre: Mediobanca, ING, Credit Suisse e Citi Bank. Il fronte della finanza vedrà gli interventi di: Rory Hussey, Christoforos Dimakis, Guido Musso, Jeffrey Drake, Maria Teresa Iardella, Fabrizio Vettosi, Francesco Fuselli e Arturo Capasso; quello degli armatori di: Maria Karnessi, Angelo D’Amato, Mario Mattioli e del past-president di Confitarma Nicola Coccia. Al termine la relazione “Shipping finance is not immune to EU competition law”, a cura di Mark Clough, avvocato esperto in materia di concorrenza.
Dopo il lunch nel meraviglioso edificio gotico di Donnaregina Vecchia, offerto da Ecospray Technologies e Caronte & Tourist Spa, la terza sessione (“Managing the Risks Through Today’s Turbulent Markets”), presieduta da Mauro Iguera e da Federico Deodato, sarà introdotta da una relazione di Mans Jacobsson (già direttore degli Oil Pollution Compensation Funds) sul caso “Prestige”. Assicuratori, armatori, broker, legali ed esperti di gestione delle crisi esamineranno i trend dei mercati assicurativi e riassicurativi e quelli delle sanzioni internazionali, dell’inquinamento e della gestione della crisi. Previsti gli interventi di: John Wiik (CEO del Norwegian Hull Club), Christopher Brown, Maurizio Dardani, Patrizia Kern-Ferretti, Mike Salthouse, Shawn Winter. Parteciperanno alla tavola rotonda: Angelo Ansaldo, James Bean, Michele Bottiglieri, Rocco Bozzelli, Maurizio d’Amico, Vittorio Damonte, Richard Jenssen, Lorenzo Matacena, Alessandro Morelli, Marco Poliseno, Gerasimos Strintzis, Alexander Tsavliris.
La sessione conclusiva (“Build, Buy, Charter”), presieduta da Clive Aston, presidente degli arbitri marittimi londinesi, e dall’armatrice Mariella Bottiglieri, sarà introdotta da una presentazione a cura di Giorgio Berlingieri, vice presidente del Comité Maritime International e avrà come tema i contratti di utilizzazione, costruzione e riparazione navale, sia dal punto di vista legale che commerciale. Dopo interventi di: David McInnes, Christian Mollitor, David Pitlarge ed Ernersto Ardia per lo Studio Lauro, discuteranno dell’argomento: Olof Berndtsson, Giuseppe Bottiglieri, Carlo Cameli, Giovanni Cimmino, Giacomo Gavarone, Marie Kelly, Andrea Mastellone, Valeria Novella, Brian Robertson e Yannis Triphyllis.
La cena di gala, realizzata con il supporto di CR Marine&Aviation e Smit, si svolgerà nell’edificio settecentesco del Teatro San Carlo, presso l’antico Circolo dell’Unione, prospiciente i giardini del Palazzo Reale di Napoli.
LOCATION
I siti scelti per la conferenza di quest’anno sono il complesso monumentale gotico-rinascimentale e barocco di Santa Maria di Donnaregina, nel cuore del centro storico di Napoli e il Palazzo du Mesnil, uno edificio in stile neoclassico con vista sulla baia, che si trova sul lungomare di via Partenope.

L’organizzatore – Studio Legale Lauro – costituito a Napoli nel 1993, si distingue per la versatilità nell’offrire una accurata consulenza ed assistenza legale nel settore del diritto della navigazione, del diritto commerciale e del diritto internazionale privato.
Le professionalità dello Studio Lauro assicurano competenze specialistiche in diritto della navigazione e dei trasporti, commerciale e societario,industriale, fallimentare, bancario, assicurativo. E ciò per quanto attiene al contenzioso, dinanzi alle autorità giudiziarie ed a collegi arbitrali, che nella consulenza aziendale con particolare riferimento alla contrattualistica nazionale ed internazionale.
Lo Studio Lauro, inoltre, ha maturato significative esperienze, per aver seguito per alcuni tra i maggiori gruppi armatoriali, bancari e finanziari italiani ed esteri processi di acquisizione e fusione, accordi di partenariato e joint-ventures e per aver loro prestato consulenza ed assistenza in operazioni di finanziamento sul mercato domestico ed internazionale.
Lo studio è il referente e corrispondente legale di numerosi primari studi legali in Italia e nel mondo (Londra, New York, Parigi, Oslo, Atene, Shanghai, ecc.). Esso lavora abitualmente per numerosi Armatori, P&I Clubs, assicuratori, noleggiatori ed operatori italiani e stranieri.

L’Informatore Navale ringrazia per la collaborazione Ship2Shore per i dati forniti.

Link: http://www.informatorenavale.it/news/napoli-shipping-and-the-lawultimi-giorni-per-iscriversi/

L’Informatore navale – Napoli:concluso ”Shipping and the Law-V Edizione”, con i leader dello shipping mondiale – VIDEO

Napoli:concluso ”Shipping and the Law-V Edizione”, con i leader dello shipping mondiale -VIDEO 

grimaldi manuel treNapoli, 8 ottobre 2014 – Si è conclusa a Napoli la quinta edizione della conferenza Shipping and the Law, che riunisce da cinque anni a Napoli alcuni tra i maggiori attori del mondo dello shipping, della finanza e di altre attività legate all’industria marittima internazionale, che si confrontano in occasione di questo appuntamento sui temi più caldi legati a questo settore nella città in cui è concentrato più della metà dell’armamento italiano.
L’organizzatore dell’evento, Francesco Saverio Lauro, avvocato marittimista già presidente dell’Autorità Portuale di Napoli, ha dichiarato:
“L’ industria armatoriale si trova oggi a un bivio: da una parte l’elevato costo del petrolio e le nuove norme ambientali richiedono massicci investimenti in nuove tecnologie e design, dall’altra le fonti tradizionali di finanziamento sembrano essersi inaridite, tenuto conto del mercato dei noli che non accenna ad uscire da una crisi che dura da molti anni. Il principale fil rouge che tiene insieme in nostri due giorni di dibattito è costituito proprio dal confronto tra gli armatori che vedono i raid degli investitori finanziari come un mostro onnivoro e coloro che invece hanno inteso fare i conti con il fenomeno e cavalcarne le opportunità.”
All’iniziativa, che ha previsto delle sessioni di lavoro e un elenco di interventi molto fitto su temi economici, geopolitici, finanziari, legali e assicurativi, sono intervenuti come relatori e partecipanti alle tavole rotonde alcuni tra i massimi esponenti dell’industria armatoriale, della cantieristica, della finanza, del mondo assicurativo e bancario, oltre ad avvocati, giuristi e arbitri internazionali marittimi provenienti da tutto il mondo. L’abituale conferenza svoltasi nel giorno 8 è stata inoltre preceduta il giorno 7 da un premiere workshop sul tema delle Eco-ships (econavi), organizzato assieme al Gruppo Giovani Armatori di Confitarma e all’ Associazione italiana di Tecnica Navale, con il supporto del costruttore finlandese di motori Wärtsilä.
Tra gli oltre 200 industry leader che sono intervenuti: Emanuele Grimaldi, presidente di Confitarma e amministratore delegato del primo gruppo armatoriale italiano con una flotta di oltre cento navi; John Lyras, membro del board e già presidente delle associazioni degli armatori europei e greci; Jeffrey Pribor, responsabile mondiale degli investimenti marittimi di Jefferies LLC, la principale banca d’investimenti nel settore dello shipping; John Wiik, CEO del Norwegian Hull Club, il più grande assicuratore mondiale; Richard Fulford-Smith, amministratore delegato di RS Platou, una delle più grandi società di brokeraggio.I LAVORI

Durante la sessione di aperture della conferenza di mercoledì 8 ottobre Emanuele Grimaldi, John C. Lyras, Jeffrey Pribor, Ugo Salerno e John Wiik hanno discusso di “Global Challenges and Strategic Decisions in the Current Shipping Markets” in un panel moderato da Francesco S. Lauro e Richard Fulford-Smith, con le conclusioni a cura del decano degli armatori italiani Peppino D’Amato.
Da segnalare la relazione su temi geopolitici che ha concluso la sessione: “Geo-political outlook”, a cura del gen. Vincenzo Camporini, ex Capo di Stato maggiore della Difesa, e l’intervento di Marco del Panta, del Ministero degli Affari Esteri, che ha descritto lo stato dell’arte della missione “Mare Nostrum”.
A seguire la tavola rotonda sui temi finanziari,“Follow the Money”, presieduta da Diego Pacella e Jeffrey Pribor: armatori, banchieri ed esperti finanziari si sono confrontati in particolare sul ruolo del private equity nell’industria dello shipping, e sui temi dell’accesso al credito e della ristrutturazione delle imprese in sofferenza. Oltre al gruppo Intesa, rappresentato dal presidente di Banco di Napoli SpA Maurizio Barracco, erano rappresentate: Mediobanca, ING, Credit Suisse, Citi Bank e Alis Partners. Hanno concluso la sessione le relazioni “Shipping finance is not immune to EU competition law”, a cura di Mark Clough, barrister noto esperto in materia di concorrenza, facente parte del team internazionale dello Studio Lauro.
La terza sessione (“Managing the Risks Through Today’s Turbulent Markets”), presieduta da Mauro Iguera e da Federico Deodato, è stata introdotta da una relazione di Mans Jacobsson (già direttore degli Oil Pollution Compensation Funds) sul caso “Prestige”. Assicuratori, armatori, broker, legali ed esperti di gestione delle crisi hanno esaminato i trend dei mercati assicurativi e riassicurativi e quelli delle sanzioni internazionali, dell’inquinamento e della gestione della crisi.
La sessione conclusiva (“Build, Buy, Charter”), presieduta da Clive Aston, presidente degli arbitri marittimi londinesi, e dall’armatrice Mariella Bottiglieri, è stata introdotta da una presentazione a cura di Giorgio Berlingieri, vice presidente del Comité Maritime International e ha trattato il tema dei contratti di utilizzazione, costruzione e riparazione navale, sia dal punto di vista legale che commerciale.
Quest’anno l’abituale conferenza di mercoledì 8 ottobre è stata preceduta ed ampliata dal premiere workshop “Eco-ships: Investing in Technologies”, svoltosi nel pomeriggio del giorno 7 ottobre, organizzato assieme al Gruppo Giovani Armatori di Confitarma e ad ATENA Associazione italiana di Tecnica Navale e presieduto dai rispettivi presidenti Andrea Garolla di Bard e Alberto Moroso. Dopo l’apertura di Francesco S. Lauro, sono intervenuti, tra gli altri, gli armatori: Umberto D’Amato, Lorenzo Matacena, Valeria Novella, il banchiere Jeffrey Pribor, Volkmar Galke (Wärtsilä), e Guido Ceccherelli (Ecospray Technologies s.r.l.).
GLI INTERVENTI
Nel corso delle due giornate di lavori di Shipping and the Law 2014 sono intervenuti:

Emanuele Grimaldi, Francesco S. Lauro, John C. Lyras, Jeffrey Pribor, Ugo Salerno, John Wiik, Richard Fulford-Smith, Peppino D’Amato, Vincenzo Camporini, Marco del Panta, Diego Pacella, Jeffrey Pribor, Maurizio Barracco, Mark Clough, Maria Teresa Iardella, Arturo Capasso, Nicola Coccia, Angelo D’Amato, Christoforos Dimakis, Jeffrey Drake, Francesco Fuselli, Rory Hussey, Maria Karnessi, Guido Musso, Giuseppe Rizzo, Fabrizio Vettosi, Federico Deodato, Mauro Iguera, Mans Jacobsson, Christopher Brown, Maurizio Dardani, Patrizia Kern-Ferretti, Mike Salthouse, Shawn Winter, Angelo Ansaldo, James Bean, Michele Bottiglieri, Rocco Bozzelli, Maurizio d’Amico, Vittorio Damonte, Richard Jenssen, Lorenzo Matacena, Alessandro Morelli, Marco Poliseno, Leonardo Rondinella, Gerasimos Strintzis, Alexander Tsavliris, Clive Aston, Mariella Bottiglieri, Giorgio Berlingieri, David McInnes, Christian Mollitor, David Pitlarge, Furio Samela, Ernesto Ardia, Olof Berndtsson, Giuseppe Bottiglieri, Carlo Cameli, Giovanni Cimmino, Giacomo Gavarone, Marie Kelly, Salvatore Lauro, Andrea Mastellone, Valeria Novella, Brian Robertson, Yannis Triphyllis, Theodosis Stamatellos, Andrea Garolla di Bard, Alberto Moroso, Lorenzo Matacena, Umberto D’Amato, Fabio Di Felice, Dario Bocchetti, Volkmar Galke, Guido Ceccherelli, Michele Francioni.
SPONSORSHIP
Il premiere workshop“Eco-ships: Investing in Technologies” è stato organizzato grazie al supporto di Wärtsilä. Il lunch nel meraviglioso edificio gotico di Donnaregina Vecchia, è stato offerto da Ecospray Technologies e Caronte & Tourist Spa, i coffee break da Tirrenia e Palumbo Group. La cena di gala presso l’antico Circolo dell’Unione nell’edificio settecentesco del Teatro San Carlo è stata realizzata grazie al supporto diCR Marine&Aviation e SMITH.